Mark Philippoussis: “Novak Djokovic è un animale al meglio dei 5 set”



by   |  LETTURE 2222

Mark Philippoussis: “Novak Djokovic è un animale al meglio dei 5 set”

Le vittorie e i traguardi conquistati durante la stagione 2021 resteranno impressi nella memoria di appassionati, addetti ai lavori ed ex tennisti per diverso tempo. Novak Djokovic ha impressionato il mondo intero dopo essere riuscito ad aggiudicarsi consecutivamente e nella stessa annata gli Australian Open, il Roland Garros, Wimbledon, sfiorando anche l’en plein con gli Us Open (fermato in finale dal russo Daniil Medvedev, che guida la generazione dei nuovi giocatori under 25).

Sul serbo incombono tantissimi dubbi sulla partecipazione o meno alla tournée australiana, e dunque al primo Grande Slam della prossima annata, visto che l’atleta non ha confermato di aver ricevuto le due dosi di vaccino anti-Covid: l’Atp ha annunciato che il 95% dei giocatori in top 100 ha effettuato la somministrazione; in quei 5 potrebbe rientrare proprio l’attuale numero uno del mondo, che potrebbe non prendere parte all’Atp Cup con la sua nazionale.

Le parole dell’ex tennista

Il 45enne australiano Mark Philippoussis ha commentato il dominio di Nole nel circuito Atp, in un’intervista rilasciata a Sky Sport: “Questo ragazzo è un animale quando gioca al meglio dei cinque set e per batterlo bisogna fare un gioco pazzesco.

Quello che è successo agli Us Open credo sia dovuto al fatto che era piuttosto nervoso. La cosa più bella è che ha dimostrato di essere umano. Ha guadagnato pubblico quel giorno. Quando è caduto a pezzi dopo la partita, ha mostrato quanto ci tenesse a tutto questo.

Quando si ritirerà, avrà battuto qualsiasi record in tutte le categorie del tennis” ha dichiarato. L’ex top 20, che ha perso nel corso della sua carriera due finali Slam, ha parlato anche della ‘new generation’: “Medvedev, Zverev e Tsitsipas sono i nomi principali lassù in classifica.

Ci sono pure altri ragazzi, ma non hanno la stessa consistenza di quelli che ho citato. Sono particolarmente interessato a Stefanos, perché amo il suo gioco completo. Amo la passione che ha e mette sul campo. Si muove benissimo e molto spesso si avvicina alla rete senza alcun timore" ha aggiunto e concluso.