Woodbridge è molto ottimista sulla presenza di Novak Djokovic in Australia



by   |  LETTURE 4130

Woodbridge è molto ottimista sulla presenza di Novak Djokovic in Australia

Sono stati sorteggiati i gironi della terza edizione dell’ATP Cup, che prevede la partecipazione di 16 squadre e un montepremi superiore ai 14 milioni di dollari. Tutti gli incontri si disputeranno nella città di Sydney fra l’1 e il 9 gennaio 2022.

Una volta terminata la fase a gironi, le quattro vincitrici dei rispettivi gruppi avanzeranno alle semifinali e si contenderanno il trofeo. Ha generato scalpore la notizia della presenza di Novak Djokovic nella entry list. Come ha fatto notare Ben Rothenberg, noto corrispondente del New York Times, ciò non significa necessariamente che il numero 1 del mondo volerà in Australia all’inizio del nuovo anno.

Il 34enne di Belgrado potrebbe infatti aver dato la sua disponibilità al fine di garantire un posto alla Serbia. In assenza di comunicazioni ufficiali da parte del 20 volte campione Slam, è meglio non sbilanciarsi troppo.

A margine delle finali di Coppa Davis, Nole aveva confidato che avrebbe dato presto aggiornamenti in merito alla sua partecipazione agli Australian Open 2022. Ai microfoni di ‘Wide World of Sports’, Todd Woodbridge ha espresso la sua opinione sull’argomento.

Woodbridge è molto ottimista

“Dal mio punto di vista, la presenza di Novak Djokovic nella entry list dell’ATP Cup suggerisce che il serbo abbia intenzione di recarsi in Australia il prossimo gennaio” – ha esordito Woodbridge.

La Serbia di Djokovic si è imposta nell’edizione inaugurale dell’ATP Cup (nel 2020), battendo in finale la Spagna di Rafael Nadal. “La partecipazione di Djokovic agli Australian Open 2022 sarebbe un’ottima notizia non soltanto per i suoi fan, ma per il mondo del tennis in generale.

Nole conosce tutte le misure governative in tema di vaccinazione, quindi non ci dovrebbero essere grandi sorprese in tal senso” – ha detto la leggenda australiana. Nel frattempo, gli organizzatori dell’Happy Slam hanno dovuto incassare il forfait di Bianca Andreescu.

La canadese, scivolata al numero 46 del ranking WTA, inizierà in ritardo la nuova stagione. “Voglio concedermi del tempo extra per recuperare e imparare da quello che ho vissuto. Ho bisogno di riflettere e allenarmi prima di cominciare la stagione” – ha spiegato la campionessa degli US Open 2019.