Djokovic commenta il record ottenuto alle Atp Finals e parla di Norrie



by   |  LETTURE 1943

Djokovic commenta il record ottenuto alle Atp Finals e parla di Norrie

L’uomo dei record e sicuramente uno dei più forti della storia del tennis (per molti addetti ai lavori e appassionati anche il migliore di tutti, visti i tanti traguardi raggiunti e la concorrenza sbaragliata nel corso degli anni della sua carriera).

Novak Djokovic vuole spingersi sempre più oltre e alzare ulteriormente l’asticella, per cercare di non dare troppo risalto ai diretti avversari. L’intento del serbo resta infrangere la barriera di ogni primato immaginabile e di essere continuo nei risultati, per resistere in vetta al ranking mondiale.

Il nativo di Belgrado si è reso senza dubbio uno dei protagonisti dell’edizione 2021 delle Nitto Atp Finals, e certamente non c’erano dubbi su questo aspetto alla vigilia. Due vittorie nette rifilate a Casper Ruud e Andrey Rublev sono state sufficienti per qualificarsi alle semifinali, facendo capire agli altri tennisti le sue intenzioni di voler tornare a mettere le mani sul titolo al PalaAlpiTour di Torino.

La prossima sfida

Dopo l’incontro col giovane russo, Nole si è assicurato il 40esimo successo alle Finals. Un grande traguardo raggiunto dal 34enne, che ha vinto per cinque volte il torneo riservato ai migliori otto giocatori del mondo, la prima addirittura nel 2008.

Djokovic però non si aggiudica la rassegna di novembre dal 2015: tanti anni trascorsi in cui non è riuscito a ottenere il trionfo, proverà a interrompere il digiuno in questi giorni. Il serbo ha scherzato coi giornalisti in conferenza stampa sul record, provando a ricordarsi la primissima vittoria: “È un’ottima domanda.

Nel 2007 ho giocato il torneo e ho perso tutte e tre le partite della fase a gironi, quindi era il 2008, ma non ricordo contro chi fosse. Davvero tanto tempo fa (ridendo)”. Poi l’attenzione si è spostata sulla prossima gara, con il britannico Cameron Norrie, subentrato all’infortunato Stefanos Tsitsipas: “È qui perché se lo merita.

Ha avuto un anno fantastico, vincendo Indian Wells e diventando uno dei giocatori più regolari del circuito. Lo guarderò un po’ contro Ruud e vedrò come si adatta a queste condizioni. L’importante è essermi già qualificato, ma affronterà questa terza partita con l’intenzione di vincere” ha concluso. Photo credit: Atp tour.