Corretja torna a parlare della finale persa da Djokovic agli US Open



by   |  LETTURE 2626

Corretja torna a parlare della finale persa da Djokovic agli US Open

Novak Djokovic è finalmente tornato in campo dopo la finale persa agli US Open contro Daniil Medvedev. Il campione serbo non è apparso nelle sue migliori condizioni, ma ha comunque trovato il modo di battere Marton Fucsovics con il punteggio di 6-2, 4-6, 6-3 e di guadagnare l’accesso agli ottavi di finale del Masters 1000 di Parigi-Bercy.

Nel primo set, Djokovic si è portato subito in vantaggio di un break e non ha avuto grandi problemi al servizio. È nel secondo parziale che il belgradese non è riuscito a controllare il gioco e ha commesso molti errori gratuiti.

L’ungherese ha leggermente alzato il suo livello e questo gli ha permesso di rientrare in partita al termine di un set molto equilibrato. L’ultima frazione di gioco ha visto Djokovic rispondere colpo su colpo alle accelerazioni dell’avversario e comandare gli scambi nella parte finale.

"“Marton è un giocatore di grande talento e ha le carte in regola per far male a chiunque. Devo ammettere che è stata una bella lotta, Fucsovics ha servito con estrema precisione e non è stato facile ottenere dei break.

Ci siamo spinti al limite a vicenda e sono contento di essere riuscito a spuntarla” , ha dichiarato Djokovic al termine del match.

Corretja: "Sarà difficile per Djokovic..."

In un’intervista al quotidiano Marca, Alex Corretja ha parlato proprio delle scelte prese da Djokovic in vista di questo intenso finale di stagione.

"Sono rimasto sorpreso dal fatto che Nole abbia deciso di giocare ancora quest'anno, perché non avevamo sue notizie da molto tempo. Forse è passato troppo tempo dalla sua ultima partita ed è stato difficile rinunciare agli ultimi tornei.

Quando lotti per essere il migliore della storia, tutto conta, e lui attribuisce un grande significato alla prima posizione del ranking. Inoltre, giocare a Parigi lo aiuterà in vista delle ATP Finals 2021. New York? C'era troppa pressione intorno a lui, era difficile per lui prendere decisioni corrette con Medvedev.

Penso che possa vincere più tornei del Grande Slam, ma sarà molto difficile per lui vincerli tutti e quattro nello stesso anno" .