Tracy Austin: "Novak Djokovic si trova con le spalle al muro"



by   |  LETTURE 16614

Tracy Austin: "Novak Djokovic si trova con le spalle al muro"

Le restrizioni sanitarie annunciate recentemente dal governo australiano hanno messo in dubbio la partecipazione di Novak Djokovic al primo Slam del 2022. A differenza di quanto si era detto la scorsa settimana, pare che i giocatori non vaccinati saranno ammessi nel paese, ma dovranno sottostare a due settimane di quarantena dura (senza nemmeno la possibilità di allenarsi).

Il numero 1 del mondo ha confidato che la sua presenza agli Australian Open è tutt’altro che certa, evitando di svelare se abbia ricevuto o meno il vaccino contro il COVID-19. Il 20 volte campione Slam non disputa un match ufficiale dalla finale degli US Open, persa nettamente contro Daniil Medvedev.

Quella sconfitta gli è costata la possibilità di realizzare il ‘Calendar Grand Slam’ e di superare gli eterni rivali Roger Federer e Rafael Nadal. Il 34enne serbo tornerà in azione a Parigi-Bercy, che userà come appuntamento di preparazione in vista delle ATP Finals e delle finali di Coppa Davis.

In una recente conversazione su Tennis Channel, Tracy Austin ha detto che un'eventuale assenza di Nole a Melbourne non la stupirebbe.

Tracy Austin parla di Djokovic

“Novak Djokovic sta andando a caccia del suo 21° Slam, non è un mistero.

Tuttavia, il fatto di non volersi vaccinare potrebbe essere ancora più importante del record all-time di Major” – ha spiegato la Austin. “Non sono per niente sicura che vedremo Nole agli Australian Open 2022.

Abbiamo capito che ci saranno fortissime restrizioni per i non vaccinati e mi sento di ipotizzare che lui faccia parte di questa categoria. Anche nel 2021 c’è stata la quarantena, ma l’hanno fatta tutti quanti e veniva data ai tennisti la possibilità di allenarsi.

I giocatori vaccinati avranno un vantaggio enorme non dovendo fare la quarantena” – ha aggiunto Tracy. Sull’argomento è intervenuto anche l’ex numero 74 ATP Nicolas Pereira: “Si tratta di una decisione molto personale e sappiamo che Novak tiene tantissimo alla sua salute.

Avendo vinto ben nove Australian Open ed essendo il suo torneo preferito, non ho dubbi che nutra il desiderio di giocare”.