Il programma di Novak Djokovic per il resto del 2021



by   |  LETTURE 2114

Il programma di Novak Djokovic per il resto del 2021

È ormai circa un mese che il mondo del tennis discute riguardo il futuro di Novak Djokovic. Il numero uno al mondo non gioca dalla finale degli Us Open 2021, match perso in tre set contro Daniil Medvedev e che ha portato cosi il serbo a rinunciare al sogno di realizzare il Calendar Grande Slam.

Il tennista balcanico ha parlato del suo futuro prossimo e di quello futuro ai microfoni della Bild rivelando il suo programma da qui a fine stagione e confermando che non dirà addio in anticipo a questo 2021. Nole non prende una racchetta in mano dal quel triste giorno per lui, lo ha fatto solo un paio di giorni fa dove si è allenato insieme ai connazionali Olga Danilovic, Viktor Troicki ed il preparatore Marco Panichi.

Djokovic ed il calendario del 2021

In attesa di conoscere la scelta riguardo la sua partecipazione all'Australian Open 2022 (la questione vaccino è ancora da chiarire). Novak Djokovic ha parlato cosi riguardo il suo calendario: "Ho intenzione di giocare il torneo di Parigi-Bercy, poi le Atp Finals di Torino ed infine la Coppa Davis.

Resterò qui a Belgrado tutta la settimana e la settimana che precede Parigi lascerò la Serbia e mi occuperò di allenarmi con una maggiore intensità. Il compleanno di Stefan è tra pochi giorni e noi saremo tutti qui per festeggiarlo con tutta la famiglia"

Poi riguardo la sua situazione Nole ha continuato: "Ho trascorso la maggior parte del tempo qui a Belgrado e sono impegnato nello sviluppo del Tennis Center, sono impegnate in tante cose che mi portano grandi soddisfazioni.

Il mio desiderio è trasmettere la storia della mia vita anche ai bambini più piccoli che mi seguono" Il campione serbo ha avuto un atteggiamento abbastanza criptico riguardo l'Australian Open e non ha voluto rivelare se è oppure no vaccinato, ha continuato dicendo: "Sto seguendo quello che succede in Australia e so che entro due o tre settimane verrà presa la decisione definitiva. Non penso però che cambierà qualcosa rispetto alle decisioni iniziali"