O’Shannessy: "La partecipazione di Novak Djokovic agli AO è in bilico"



by   |  LETTURE 15184

O’Shannessy: "La partecipazione di Novak Djokovic agli AO è in bilico"

Novak Djokovic ha disputato un 2021 ai limiti della perfezione, in cui ha sfiorato il traguardo leggendario del ‘Calendar Grand Slam’. Dopo aver conquistato i primi tre Slam stagionali, il numero 1 del mondo è arrivato in finale anche agli US Open, dove è letteralmente crollato ad un passo dalla storia.

Un Nole bloccato fisicamente e mentalmente si è arreso nettamente a Daniil Medvedev sull’Arthur Ashe Stadium, vedendo svanire forse per sempre il sogno di vincere tutti e quattro i Major nello stesso anno. Il fuoriclasse serbo, che ha agganciato Roger Federer e Rafael Nadal a quota 20 Slam, proverà il sorpasso nel 2022.

Nel frattempo, il 34enne di Belgrado ha annunciato che non parteciperà all’imminente Masters 1000 di Indian Wells. Novak potrebbe decidere di prolungare il suo riposo e rientrare direttamente agli Australian Open 2022, ma negli ultimi giorni è sorto un problema.

Lo Stato del Victoria, di cui Melbourne fa parte, ha comunicato che tutti gli atleti professionisti dovranno essere completamente vaccinati entro la fine di novembre per poter ricevere l’autorizzazione ad entrare. Sono in molti a ritenere che una simile misura potrebbe creare enormi grattacapi al nove volte campione del torneo, che aveva espresso alcune perplessità sulla vaccinazione obbligatoria.

Lo Stato del Victoria non farà sconti

In una recente conferenza stampa, il premier dello Stato del Victoria Daniel Andrews ha chiarito che Novak Djokovic non riceverà alcun trattamento preferenziale. “I suoi 20 titoli del Grande Slam non lo esenteranno da questa regola.

Nole – proprio come tutti gli altri – sarà chiamato a dimostrare di essersi vaccinato contro il COVID-19. Le chance che venga consentito l’ingresso a persone non vaccinate sono molto, molto basse” – ha sentenziato Andrews.

Sull’argomento è intervenuto anche Craig O’Shannessy, rinomato analista che ha fatto parte del team di Djokovic tra il 2017 e il 2019. “Novak Djokovic è libero di decidere se vaccinarsi o meno, si tratta di una scelta personale.

Al tempo stesso, da tale decisione potrebbe dipendere la sua partecipazione agli Australian Open” – ha confidato l’australiano. Non resta che attendere ulteriori sviluppi.