Pilic: "Novak Djokovic ha donato 1 milione a Bergamo senza esserci mai stato"



by   |  LETTURE 19976

Pilic: "Novak Djokovic ha donato 1 milione a Bergamo senza esserci mai stato"

Novak Djokovic si è reso protagonista di un 2021 semplicemente fantastico, a cui non è riuscito a mettere la ciliegina. Dopo essersi aggiudicato i primi tre Major stagionali, il numero 1 del mondo è crollato ad un passo dal traguardo.

La pressione e la stanchezza gli hanno giocato un brutto scherzo nella finale degli US Open, che si è tramutata in un assolo di Daniil Medvedev sull’Arthur Ashe Stadium. A nulla è servito il tifo del pubblico newyorkese, che desiderava assistere al compimento di un pezzo di storia.

Nole sarebbe infatti diventato il secondo uomo nell’Era Open dopo Rod Laver a vincere tutti e quattro gli Slam nello stesso anno. La settimana scorsa, il fenomeno serbo ha annunciato che non sarà ai nastri di partenza del Masters 1000 di Indian Wells.

Non è da escludere che il 34enne di Belgrado decida di prolungare il suo riposo fino all’inizio del 2022. Nel corso di una recente intervista a ‘Vecernji’, Nikola Pilic – che ha allenato Djokovic durante i suoi anni formativi – ha elogiato i risultati ottenuti dal 20 volte campione Slam.

Pilic rende omaggio a Novak Djokovic

“Novak Djokovic detiene il record di Slam vinti a pari merito con Roger Federer e Rafael Nadal, oltre ad aver conquistato ogni singolo Masters 1000. Inoltre, è stato l’unico giocatore capace di vincere tutti i Major almeno due volte, senza contare che nessuno prima di lui aveva raggiunto i 17.000 punti ATP.

Non mi interessano le opinioni personali o le preferenze politiche delle gente, bisogna attenersi ai risultati” – ha sentenziato Pilic. “Stiamo parlando di un uomo estremamente intelligente, che ha sempre avuto grande rispetto per gli appassionati di tennis.

Parla sempre in francese quando si trova a Parigi, lo stesso vale per l’italiano e l’inglese. Per me non ci sono dubbi che Nole sia il migliore di sempre” – ha aggiunto. Il finalista del Roland Garros 1973 ha lodato Djokovic anche per le sue attività fuori dal campo: “Non è mai stato a Bergamo in vita sua e ha donato un milione di euro ad un ospedale lo scorso anno. Ha ristrutturato o costruito 437 asili nido, oltre ad aver investito otto o nove milioni in progetti umanitari”.