Ljubicic: "Novak Djokovic deve riflettere bene sui suoi prossimi passi"



by   |  LETTURE 6183

Ljubicic: "Novak Djokovic deve riflettere bene sui suoi prossimi passi"

Novak Djokovic ha vissuto una delusione tremenda agli US Open, il torneo che doveva permettergli di scrivere l’ennesima pagina leggendaria. Dopo essersi aggiudicato i primi tre Slam stagionali, il numero 1 del mondo si era presentato a New York da grande favorito nonostante la battuta d’arresto alle Olimpiadi di Tokyo.

In caso di trionfo nella Grande Mela, il fenomeno serbo sarebbe diventato il secondo uomo nell’Era Open dopo Rod Laver a conquistare tutti e quattro i Major nello stesso anno. Il sogno di Nole si è clamorosamente infranto ad un passo dalla gloria eterna, sotto i colpi di un Daniil Medvedev perfetto nell’atto conclusivo.

A dire il vero, la pressione e la stanchezza hanno impedito al 34enne di Belgrado di esprimersi al 100%, una sensazione molto tangibile fin dall’inizio della partita. Il 20 volte campione Slam risulta iscritto al Masters 1000 di Indian Wells il mese prossimo ed è già qualificato per le ATP Finals di Torino.

Nel corso di una recente intervista a ‘Il Messaggero’, Ivan Ljubicic ha ammesso che non sarebbe sorpreso se Novak decidesse di chiudere anzitempo il suo 2021.

Ljubicic sul futuro dei Big 3

“Cosa mi aspetto dall’ultima parte della stagione? Beh, mi piacerebbe vedere Novak Djokovic a Parigi-Bercy e poi alle Finals di Torino.

Al tempo stesso, non mi stupirei troppo se prendesse la decisione di non giocare più fino all’inizio del 2022” – ha detto l’attuale coach di Roger Federer. ‘Ljubo’ si è espresso anche sul futuro dei Big 3: “Sarà interessante vedere se Roger Federer, Rafael Nadal e Novak Djokovic saranno in grado di arricchire ulteriormente la loro bacheca.

Potrebbero anche fermarsi tutti e tre a quota 20 Slam. Il mio pensiero è che continueranno ad essere competitivi ad alto livello, ma bisognerà tenere d’occhio la progressione dei giovani nei prossimi mesi.

Matteo Berrettini rientra in questo gruppo, senza dimenticare Alexander Zverev, Daniil Medvedev, Stefanos Tsitsipas, Denis Shapovalov e Andrey Rublev”. Gli Australian Open 2022 avranno un significato ancora più profondo del solito, visto anche l’assalto di Daniil Medvedev alla prima posizione ATP.