Clarey: "Difficile negare che Novak Djokovic sia il migliore di questa era"



by   |  LETTURE 4107

Clarey: "Difficile negare che Novak Djokovic sia il migliore di questa era"

I Big 3 hanno scolpito pagine indimenticabili di storia del tennis, oltre ad aver riscritto quasi tutti i record del circuito maschile. In questo preciso momento, i tre mostri sacri sono a pari merito con 20 Slam ciascuno. Rafael Nadal aveva agganciato Roger Federer lo scorso anno al Roland Garros, mentre Novak Djokovic ha azzerato il divario grazie al suo straordinario 2021.

Il fenomeno serbo si è aggiudicato tre dei quattro Major andati in scena quest’anno, crollando tuttavia ad un passo dal ‘Calendar Grand Slam’. Se avesse trionfato agli US Open, il numero 1 del mondo sarebbe diventato il secondo uomo nell’Era Open dopo Rod Laver a conquistare tutti e quattro gli Slam nella stessa stagione.

Il 34enne di Belgrado proverà a scavalcare gli eterni rivali agli Australian Open 2022, ma i Next Gen sono sempre più intenzionati a rovesciare le gerarchie. All’interno del suo ultimo libro dedicato a Roger Federer, il noto corrispondente del New York Times Christopher Clarey si è soffermato a lungo sulla questione del GOAT.

Intervistato dal portale 'Tennis365' nei giorni scorsi, ha ribadito il suo punto di vista sull’argomento.

I Big 3 sono appaiati a quota 20 Slam

“Non ho intenzione di nominare il tennista più grande di ogni epoca, dal momento che non esistono parametri oggettivi” – ha esordito Clarey.

“Se analizziamo soltanto i risultati e le pure statistiche, è evidente come Novak Djokovic sia il miglior giocatore di questa era. Dal mio punto di vista, è stata una benedizione per Nole giocare nella stessa epoca di Roger Federer e Rafael Nadal.

Se non ci fossero stati loro a dargli del filo da torcere, dubito che sarebbe diventato il campione che è ora. Avere la possibilità di imparare da due leggende come Roger e Rafa, che sono sempre stati molto più popolari di lui, è stata una ghiottissima opportunità e lui l’ha sfruttata” – ha aggiunto.

Djokovic risulta iscritto al Masters 1000 di Indian Wells e si è già qualificato per le ATP Finals di Torino. Roger e Rafa non torneranno in campo prima dell’inizio del 2022.