Bartoli: "Esiste un limite anche se ti chiami Novak Djokovic"



by   |  LETTURE 3445

Bartoli: "Esiste un limite anche se ti chiami Novak Djokovic"

Novak Djokovic è arrivato ad una sola vittoria dal completare il Grande Slam, un’impresa che nell’Era Open era riuscita soltanto al mitico Rod Laver nel lontano 1969. Dopo essersi aggiudicato i primi tre Major stagionali, il numero 1 del mondo ha raggiunto la finale anche agli US Open tribolando più del previsto.

Ad un solo passo dal traguardo, la stanchezza fisica e mentale ha bloccato il fenomeno serbo, che si è arreso nettamente ad uno scatenato Daniil Medvedev sull’Arthur Ashe Stadium. In caso di trionfo a New York, il 34enne di Belgrado avrebbe inoltre superato gli eterni rivali Roger Federer e Rafael Nadal issandosi a quota 21 Slam.

Una delusione enorme per Nole, che potrebbe decidere di non tornare in campo nel 2021. Djokovic risulta iscritto al Masters 1000 di Indian Wells e si è già qualificato per le ATP Finals di Torino, ma non è escluso che scelga di prolungare il suo riposo e di rientrare nel tour direttamente agli Australian Open 2022.

In una conversazione su Tennis Majors, l’ex campionessa di Wimbledon Marion Bartoli ha analizzato nel dettaglio il crollo di Novak.

Bartoli spiega il crollo di Djokovic

“Per come la vedo io, è abbastanza evidente che la pressione lo abbia schiacciato nel momento decisivo” – ha sentenziato Bartoli.

“Era successa la stessa cosa a Serena Williams nel 2015, anche se lei fu eliminata in semifinale. Quando perse contro Roberta Vinci, nessuno avrebbe potuto immaginare un simile risultato. Lo stesso Novak Djokovic ha ammesso che non sentiva le gambe durante la finale.

Non era il Nole che siamo abituati a vedere. Per quanto sia un atleta fuori da ogni logica, ad un certo punto arriva un limite anche per lui” – ha aggiunto la francese. Non poteva mancare una previsione sul futuro del serbo: “La vedo dura che possa vincere quattro Slam nella stessa stagione, quell’obiettivo potrebbe essere svanito per sempre.

Ritengo che Novak abbia tutte le carte in regola per arrivare almeno a 23 Slam”. I Big 3 si trovano a pari merito con 20 Major ciascuno.