Pietrangeli: "Forse contro Medvedev non sarebbe bastato nemmeno il miglior Djokovic"



by   |  LETTURE 7631

Pietrangeli: "Forse contro Medvedev non sarebbe bastato nemmeno il miglior Djokovic"

Gestire la pressione è diventato ormai un aspetto principale per ogni atleta di successo. Novak Djokovic, in questo senso, lascerà un’eredità difficile da replicare, perché ha dimostrato in molte occasioni di saper reagire alle avversità con il coraggio che contraddistingue le più grandi personalità.

Proprio per questo, la sua prestazione contro un ottimo Daniil Medeved nella finale degli US Open ha fatto rumore. La posta in palio era talmente alta che ha finito per rappresentare un ostacolo anche per il serbo. La tensione e un Medvedev tatticamente perfetto hanno impedito a Djokovic di esprimere il suo miglior tennis e di coronare il sogno Grande Slam.

Pietrangeli: "Su Djokovic è stata messa troppa pressione"

Nicola Pietrangeli, ex numero tre del mondo e vincitore del Roland Garros nel nel 1959 e nel 1960, ha espresso la sua opinione sull’ultimo atto degli US Open in un’intervista rilasciata all’agenzia di stampa Adnkronos.

“Questo Medvedev mi ha davvero impressionato, se continua così sarà presto il numero uno del mondo" , ha spiegato Pietrangeli. "Su Djokovic è stata messa troppa pressione in questi giorni con la storia del Grande Slam e l'ha pagata ma forse contro questo ragazzo russo non sarebbe bastato nemmeno il miglior Djokovic.

Medvedev è stato superiore in praticamente tutti gli aspetti del gioco. Ha servito al limite della perfezione ed è stato superiore anche negli scambi lunghi, cosa più unica che rara contro Djokovic. Davvero tanti complimenti.

Il serbo non è comunque tipo da arrendersi tornerà ancora e nei prossimi due anni me lo aspetto ancora ad alti livelli" . Grazie al primo titolo Slam conquistato in carriera, Medvedev si è avvicinato proprio alla prima posizione del ranking mondiale di Djokovic.

Il russo si trova in questo momento a 1353 punti dal belgradese, ma dovrà difendere le vittorie ottenute lo scorso anno al Masters 1000 di Parigi-Bercy e alle ATP Finals. Djokovic, da parte sua, ha però messo in dubbio il suo finale di stagione e potrebbe tornare in campo direttamente nel 2022.