Corretja: "Si è capito da subito che non fosse la giornata di Novak Djokovic"



by   |  LETTURE 4778

Corretja: "Si è capito da subito che non fosse la giornata di Novak Djokovic"

Daniil Medvedev passerà alla storia come colui che ha impedito a Novak Djokovic di realizzare il Grande Slam. Alla vigilia della finale degli US Open 2021, il giovane russo aveva promesso che avrebbe dato il massimo ed è riuscito nel suo intento.

Grazie ad un triplice 6-4, il tennista di Mosca si è aggiudicato il suo primo Slam in carriera, dopo aver perso contro Rafael Nadal e Novak Djokovic le precedenti due finali disputate (una a New York nel 2019 e l’altra agli Australian Open all’inizio di quest’anno).

Daniil ha approfittato anche di un Nole sottotono per tutta la durata del match, un fattore che nulla toglie alla straordinaria impresa del numero 2 ATP. Il fuoriclasse serbo, dal canto suo, è parso svuotato sia fisicamente che mentalmente, tanto da non essere mai riuscito a mettere dei dubbi nella testa del suo avversario.

Il pianto liberatorio durante l’ultimo cambio di campo ha sortito l’effetto di avvicinare Novak ai fan, che mai erano stati così schierati dalla sua parte come domenica sera sull’Arthur Ashe Stadium.

Parlando su Eurosport, il due volte finalista del Roland Garros Alex Corretja ha espresso la sua opinione sulla finale maschile.

Corretja analizza la finale maschile

“Daniil Medvedev è entrato in campo con la convinzione che quella sarebbe stata la sua giornata.

Ha meritato di vincere dominando la sfida sotto tutti i punti di vista” – ha analizzato Corretja. “Daniil è parso concentratissimo fin dai primi scambi e ha demolito Novak Djokovic senza regalargli nulla.

Quando affronti una leggenda come Nole, è fondamentale avere una buona resa al servizio. La varietà e la precisione di quel colpo sono stati impeccabili domenica. Quella era una delle chiavi più importanti, lo avevamo sottolineato alla vigilia.

L’inizio di partita non è stato dei migliori per Novak, che ha subito un break a freddo contro ogni pronostico. L’inerzia è passata tutta dalla parte del russo ed è rimasta nelle sue mani fino alla fine” – ha aggiunto lo spagnolo. Djokovic resta dunque appaiato a Roger Federer e Rafael Nadal nella classifica degli Slam.