Novak Djokovic: "Medvedev? Sarà un’altra grande battaglia"



by   |  LETTURE 5072

Novak Djokovic: "Medvedev? Sarà un’altra grande battaglia"

È tutto pronto per la finale della 141ª edizione degli US Open. A sfidarsi sull’Arthur Ashe Stadium saranno Novak Djokovic e Daniil Medvedev. Il primo può scrivere l’ennesima impresa, probabilmente la più grande, della sua carriera; il secondo è a caccia del suo primo Major.

Djokovic, in particolare, scenderà in campo per completare il Grande Slam e superare di una distanza Roger Federer e Rafael Nadal nella lotta al primato Slam. L’ultimo avversario da battere, però, sembra aver ormai compiuto il definitivo salto di qualità sia dal punto di vista fisico che mentale.

Proprio l’aspetto fisico potrebbe fare la differenza: Djokovic ha disputato tante partite lunghe e dure; Medvedev non ha trovato avversari impossibili sulla sua strada e ha perso solo un set ai quarti di finale contro Botic Van De Zandschulp.

In attesa dell’ingresso in campo dei giocatori, è importante analizzare nel dettaglio le dichiarazioni di Djokovic in vista della finale e le sue considerazioni su Medvedev; un Medvedev molto più maturo e costante rispetto a qualche mese fa.

L'analisi di Novak Djokovic

“Sarà un’altra grande battaglia contro un tennista in straordinaria forma. Ha vinto tante partite sul cemento nelle ultime settimane. Abbiamo giocato la finale degli Australian Open l’uno contro l’altro a inizio anno.

So cosa mi aspetta. Ha già disputato due finali dello Slam e penso che dal punto di vista dell’esperienza sia cambiato molto per lui. Sono sicuro che darà tutto per vincere il suo primo Slam. Anche io dato tutto quello che ho per vincere questa partita.

Dovrò recuperare le energie. Non ho intenzioni di perdere tempo e sprecare energie inutili pensando al Grande Slam” . Emblematiche sono state anche le prime parole pronunciate da Djokovic subito dopo la vittoria contro Alexander Zverev in semifinale.

“Il sogno Grande Slam è lì ma non c’è molto da dire. È rimasto soltanto un match da giocare, dunque darò tutto il mio cuore, il mio corpo, la mia anima e la mia testa per compiere questo altro passo verso la storia. Tratterò la prossima sfida come se fosse l'ultima della mia carriera” .