Corretja: "Ecco cosa mi aspetto dalla semifinale tra Novak Djokovic e Zverev"



by   |  LETTURE 3711

Corretja: "Ecco cosa mi aspetto dalla semifinale tra Novak Djokovic e Zverev"

Novak Djokovic non era parso in grandissimo spolvero nelle sue prime quattro uscite agli US Open 2021, avendo sofferto più del previsto contro rivali abbordabili sulla carta. Il numero 1 del mondo si trovava di fronte Matteo Berrettini nei quarti di finale, un avversario ostico che ha disputato la migliore stagione di tutta la sua carriera.

Il rendimento del fenomeno serbo si è innalzato proprio quando era necessario, tanto da aver inflitto all'italiano la terza sconfitta in altrettanti Slam quest’anno (il romano era caduto sotto i colpi di Nole sia al Roland Garros che nella finale di Wimbledon).

Due successi dividono ora il 34enne di Belgrado da un epico ‘Calendar Grand Slam’, che lo renderebbe il secondo tennista nell’Era Open dopo Rod Laver in grado di vincere tutti e quattro i Major nella stessa stagione.

In caso di trionfo a New York, Novak si porterebbe a quota 21 Slam scavalcando per la prima volta gli eterni rivali Roger Federer e Rafael Nadal. Il prossimo ostacolo sul suo cammino sarà Alexander Zverev, colui che gli ha impedito di aggiudicarsi la medaglia d’oro alle Olimpiadi di Tokyo.

Parlando su Eurosport, Alex Corretja ha espresso il suo giudizio qualche ora prima della semifinale.

La preview della semifinale

“La vittoria ottenuta alle Olimpiadi di Tokyo può aiutare Alexander Zverev, dato che si tratta di un successo recente e di enorme importanza.

Scenderà in campo con la fiducia di poter ripetere l’impresa” – ha spiegato Corretja. “Allo stesso tempo, deve essere consapevole che battere Novak Djokovic qui agli US Open sarà tutta un’altra storia.

Si gioca al meglio dei cinque set e ci troviamo in uno Slam. Zverev non ne ha mai conquistato uno, mentre Nole ne ha 20 in bacheca. Non ci sono dubbi che il serbo abbia molta più esperienza in partite di questo tipo. Credo che sarà una sfida equilibrata, ma ritengo che Djokovic abbia qualcosa in più.

Lo abbiamo sempre visto alzare il livello quando ce n’era bisogno. La sua prestazione contro Matteo Berrettini è stata superiore rispetto ai turni precedenti. Deve calmarsi e gestire con lucidità il momento più delicato di tutta la sua carriera” – ha analizzato lo spagnolo.