Alexander Zverev: “Con Novak Djokovic serve la partita perfetta”



by   |  LETTURE 4685

Alexander Zverev: “Con Novak Djokovic serve la partita perfetta”

Ha rovinato i piani del ‘Golden Slam’ alle Olimpiadi di Tokyo e ora ricoprirà nuovamente il ruolo di antagonista per togliere a Nole anche la soddisfazione del ‘Calendar Grand Slam’, che riuscì a compiere già nello scorso 2016.

Alexander Zverev, prossimo suo avversario, può vantare una vittoria molto recente al meglio dei tre set su Novak Djokovic, ma fra i due nella semifinale degli Us Open il passato e le gare precedenti conteranno davvero poco, rispetto alla condizione fisica e al giocare il miglior tennis per raggiungere l’ambita finale.

Il tedesco è in un momento di forma incredibile, capace di faticare poco con giocatori temibili della nuova generazione, e troverà di nuovo il serbo sulla sua strada, dopo aver regolato in tre parziali il sudamericano Harris, una delle sorprese di questo ultimo Slam della stagione 2021.

Il 24enne di Amburgo è atteso da una battaglia contro il numero uno del mondo, che ha disputato una seconda parte di gara con Matteo Berrettini davvero formidabile, mettendo da parte tutta la tensione di dover conquistare un obiettivo che tutti i suoi fan e molti addetti ai lavori si aspettano.

Le parole di Zverev

Il quarto del ranking Atp ha spostato in conferenza stampa tutta l’attenzione sul prossimo match in programma: “Quando prepari una partita contro di lui, pensi di dover disputare la partita perfetta.

Il meglio che puoi, altrimenti è impossibile. Il più delle volte non giochi alla perfezione, per questo non lo battono mai. Devi dominarlo, vincere tu stesso i punti e con pochissimi errori non forzati” ha affermato.

16 i successi di fila collezionati dal campione olimpico: "Vincere i giochi a cinque cerchi e battere Nole con un set e un break è qualcosa di molto speciale. Mi sento come se fossi l'unico che è stato in grado di superare Djokovic quest’anno in un torneo importante.

Ti porta molto, aggiungerei molto a chiunque. Spero che tutto questo e questa striscia positiva che ho allungato al Master 1000 di Cincinnati mi aiuti e continui” ha aggiunto e concluso Zverev.