Novak Djokovic infastidito dal comportamento di un tifoso agli US Open



by   |  LETTURE 9237

Novak Djokovic infastidito dal comportamento di un tifoso agli US Open

Novak Djokovic è passato indenne attraverso i primi due round degli US Open 2021, il torneo in cui potrebbe scrivere una nuova pagina di storia. Essendosi aggiudicato i primi tre Slam della stagione, il numero 1 del mondo ha infatti la possibilità di realizzare il ‘Calendar Grand Slam’ in caso di trionfo a New York.

Il fuoriclasse serbo ha liquidato Holger Rune all’esordio e Tallon Griekspoor al secondo turno, dimostrando di saper gestire bene l’enorme pressione sulle sue spalle. Il 20 volte campione Slam, intenzionato a staccare per la prima volta Roger Federer e Rafael Nadal, ha lasciato appena sette game all’olandese sull’Arthur Ashe Stadium, nonostante uno spettatore leggermente su di giri abbia cercato in tutti i modi di farlo innervosire.

La testa di serie numero 1 ha provato a non farsi distrarre, ma ad un certo punto il fastidio è divenuto così insopportabile da costringerlo a recarsi dall'arbitro per lamentarsi. Interrogato sulla questione in conferenza stampa, Nole ha evidenziato cosa significhi essere importunati in uno sport individuale.

Djokovic importunato da uno spettatore

“Un tifoso che guarda soltanto gli sport di squadra potrebbe pensare che io mi sia comportato da bambino viziato andando a lamentarmi dall’arbitro. Si sta parlando di due contesti molto differenti.

Da una parte c’è il classico rumore prodotto dallo stadio, che è ancora più intenso durante le sessioni serali. Le persone si fanno coinvolgere dallo spettacolo e personalmente non ho mai avuto nulla da ridire al riguardo.

Quando invece uno spettatore cerca di disturbare un tennista intenzionalmente e ripetutamente, diventa insopportabile per noi giocatori. Quella persona non faceva che urlare ogni volta che stavo per colpire uno smash e non è un comportamento accettabile.

Sapeva benissimo cosa stava facendo” – ha spiegato Djokovic. Ad attenderlo ci sarà Kei Nishikori, recentemente battuto alle Olimpiadi di Tokyo. “È un giocatore rapido e talentuoso, dovrò servire bene e gestire correttamente gli scambi restando vicino al campo.

Conosco bene il suo tennis, ci siamo affrontati poco tempo fa a Tokyo, quindi so cosa aspettarmi” – ha concluso Novak.