Rune: “Djokovic grande favorito, ma io sono un vero combattente”



by   |  LETTURE 3349

Rune: “Djokovic grande favorito, ma io sono un vero combattente”

Questa notte ci sarà l’esordio di Novak Djokovic agli US Open 2021. Il campione serbo comincerà a breve la corsa al suo 21esimo Slam della carriera e, se riuscirà a “chiudere il cerchio” conquistando il trofeo, lo incoronerà inoltre “Calendar Grand Slam Champion”, impresa che manca da 52 anni (Rod Laver, 1969).

Il primo ostacolo che si presenterà sul percorso del numero 1 del mondo sarà il giovanissimo Holger Vitus Nodskov Rune. Il tennista danese, appena diciottenne, ha vinto due Challenger consecutivi: a San Marino (15 agosto) e Verona appena dieci giorni fa.

Il doppio trionfo gli è valso il suo best ranking (145) e a coronamento del gran momento di forma ha superato tutti i turni di qualificazione a Flushing Meadows, entrando così nel tabellone principale. Il sorteggio gli ha riservato, per l’appunto, Djokovic.

Rune: “Il mio cuore è impazzito, Novak una leggenda”

Venerdì sera Rune ha completato il giro delle qualificazioni per il main draw degli US Open battendo in tre set il tedesco Moraing. Poco dopo, alla notizia che avrebbe affrontato Djokovic svelatagli da un suo amico su Instagram, lui pensava fosse uno scherzo: “Ho reagito rispondendo: ‘Sì sì’”, ha dichiarato in un’intervista al sito ufficiale dell’Atp.

“A volte dicono delle cose soltanto perché sapevano che avrebbe affrontato un qualificato”. Un attimo dopo lo stesso Rune ha verificato e, invece, era tutto vero: “All'inizio il mio cuore era come, 'Whoa'

Era tipo impazzito", ha detto. "È un giocatore incredibile, è una leggenda, quindi sarà eccitante per me. Credo di avere il livello per giocare con chiunque nel tour, quindi sarà un match molto interessante per me"

Un’emozione pazzesca per il diciottenne di Gentofte, che un anno fa a quest’ora era numero 732 del mondo. Oggi occupa la 145esima posizione ed è il primo tennista danese a qualificarsi al calendario principale degli US Open da Kristian Pless nel 2006.

Sulla sua strada a Flushing Meadows c’è quindi Novak Djokovic, il numero 1 del ranking, che in realtà ha già avuto modo di incrociare in allenamento al Monte-Carlo Country Club in marzo.

Adesso è il momento di affrontarlo in una partita ufficiale e, per quanto emozionante sia questa occasione, Rune è centrato e ha voglia di stupire e giocare il suo miglior tennis: “"Ho molta fiducia in me stesso anche se sono contro il numero 1 del mondo.

Molti giocatori direbbero solo di andare là fuori, divertirsi, fare esperienza e godersi il momento", ha detto Rune. "Naturalmente farò anche questo, ma il mio obiettivo non è solo quello di giocare qui.

Il mio obiettivo è quello di vincere questo torneo, anche molte volte. Il 90% delle persone nel mondo probabilmente direbbe che non è realistico in questo momento, ma devo credere in me stesso. Credo nel mio gioco, io, il mio allenatore e mia madre stiamo migliorando il mio gioco ogni giorno, la mia mentalità e tutto il resto.

Sto davvero lavorando duro per questo" "Sono un vero combattente in campo”, ha concluso Rune. “Cercherò di fare il meglio possibile, lotterò per ogni punto e cercherò di stare lì dentro il più a lungo possibile e giocare con lui.

Naturalmente è lui il grande favorito per il match. Lui è il numero 1 del mondo e io non sono ancora in top 100, ma sarà divertente e voglio solo andare là fuori e fare davvero del mio meglio"

Djokovic, dunque, è avvisato: appuntamento questa notte all’Arthur Ashe Stadium.