Novak Djokovic: "Non sarà certo la mia ultima occasione per vincere uno Slam"



by   |  LETTURE 2906

Novak Djokovic: "Non sarà certo la mia ultima occasione per vincere uno Slam"

Lo US Open 2021 sarà un torneo molto particolare per Novak Djokovic, chiamato a dover gestire una pressione a cui nemmeno un fenomeno del suo calibro è abituato. Il numero 1 del mondo andrà infatti a caccia del suo 21° Major, che gli permetterebbe di staccare gli eterni rivali Roger Federer e Rafael Nadal (entrambi assenti a New York per infortunio).

In caso di successo a Flushing Meadows, il veterano serbo riuscirebbe anche nell’impresa di completare il Grande Slam, divenendo così il secondo uomo nell’Era Open a farcela dopo il leggendario Rod Laver.

Non sarà facile per il 34enne di Belgrado arpionare il suo quarto titolo nella Grande Mela, benché diverse assenze illustri abbiano falcidiato l’edizione di quest’anno. Mancherà anche il campione uscente Dominic Thiem, vittima di un problema al polso che lo terrà fuori per tutto il resto della stagione.

Nella tradizionale conferenza stampa prima dell’inizio del torneo, Nole ha ammesso che non vede l’ora di scendere in campo. Il primo ostacolo sul suo cammino risponde al nome di Holger Rune, con cui si è allenato più volte a Montecarlo.

Djokovic non vede l'ora di scendere in campo

“Il Grande Slam sarebbe ovviamente il più grande traguardo della mia carriera” – ha detto Djokovic senza esitazioni. “Storicamente ho sempre giocato abbastanza bene qui a New York, è probabilmente il torneo più divertente che esista nel circuito.

La gente è scatenata e sono contento che non vi saranno limitazioni sotto il profilo della capienza” – ha aggiunto il 20 volte campione Slam. Novak ha cercato di togliersi di dosso un po’ di pressione: “Anche se non dovessi riuscire a conquistare questo US Open, penso che avrò altre opportunità di incrementare il mio bottino.

D’altro canto, potrei non avere più chance di realizzare il Grande Slam. So benissimo che la posta in palio è davvero altissima. Ribadisco che la pressione è un privilegio, almeno per come la vedo io.

Sono estremamente ispirato e motivato, tante persone guarderanno i miei incontri e spero di giocare abbastanza bene da poter lottare per la vittoria”.