Billie Jean King: "Nessun contatto con la PTPA di Novak Djokovic"



by   |  LETTURE 6453

Billie Jean King: "Nessun contatto con la PTPA di Novak Djokovic"

L’anno scorso Novak Djokovic, Vasek Pospisil e altri 60 giocatori ATP hanno annunciato la creazione della PTPA alla vigilia degli US Open, con una mossa che ha colto di sorpresa gli organi di governo del tennis mondiale.

Questa nuova associazione avrebbe come intento quello di tutelare maggiormente gli interessi dei tennisti, a beneficio soprattutto degli atleti di seconda fascia. La PTPA è stata subito criticata per non aver coinvolto le donne nel processo, ma Djokovic ha chiarito di aver già parlato con numerose giocatrici della WTA in modo che vengano rappresentati entrambi i circuiti.

Il numero 1 del mondo si è sempre speso molto fuori dal campo, raccogliendo attestati di stima da parte di colleghi e addetti ai lavori. Il fenomeno serbo, che non gioca dalle Olimpiadi di Tokyo, farà il suo ritorno agli US Open per completare uno storico Grande Slam.

Il 34enne di Belgrado ha annunciato che non difenderà il titolo vinto a Cincinnati nel 2020. In una recente intervista al New Yorker, la leggenda della WTA Billie Jean King – una delle figure più importanti nella storia di questo sport – ha espresso alcune considerazioni sulla PTPA.

Billie Jean King scettica sulla PTPA

“Nessuno della PTPA è venuto a parlare con me, quindi non so nemmeno quale sia esattamente il loro pensiero. Quando ero a Wimbledon, continuavo a chiedere informazioni alla gente ma nessuno sapeva darmi indicazioni certe.

Hanno sicuramente migliorato il loro sito web, hanno iniziato a coinvolgere anche le donne, sono in ballo nomi pesanti come quello di Novak Djokovic, tutti fattori rilevanti per quanto mi riguarda. Non so tuttavia quante persone intendano seguire il progetto” – ha analizzato la King.

Quest’ultima ha consigliato ai membri della PTPA di continuare a lavorare senza dare troppo nell’occhio. “Se fossi stata in loro, avrei agito dietro le quinte piuttosto che generare tutto quel casino” – ha confidato.

Quasi tutti i migliori giocatori del tour saranno impegnati al ‘Western & Southern Open’ di Cincinnati questa settimana, ad eccezione dei Big 3. Djokovic tornerà a New York, mentre il futuro di Nadal e Federer è più incerto che mai.