Novak Djokovic approfondisce il suo legame con la natura



by   |  LETTURE 5969

Novak Djokovic approfondisce il suo legame con la natura

Novak Djokovic può scrivere l’ennesima pagina di storia del tennis quest’anno. Il numero 1 del mondo si è infatti aggiudicato i primi tre Slam del 2021 e culla il sogno di realizzare il ‘Grande Slam’, un’impresa mai più riuscita dai tempi di Rod Laver.

Il fuoriclasse serbo ha dovuto rimandare l’obiettivo con la medaglia d’oro in singolare, visto che la sua corsa alle Olimpiadi di Tokyo si è arrestata in semifinale per mano di Alexander Zverev. Avanti di un set e di un break, il 34enne di Belgrado è stato letteralmente mollato dal proprio fisico cedendo dieci degli ultimi undici game dell’incontro.

Il 20 volte campione Slam ha sottolineato il bisogno di ricaricare le pile, tanto è vero che ha già comunicato la sua rinuncia al Masters 1000 di Cincinnati (al via la settimana prossima). Con Roger Federer e Rafael Nadal molto distanti dal top della forma, sarà ancora lui l’uomo da battere agli US Open.

In una lunga intervista concessa a ‘Raiffeisen Bank International AG’, marchio di cui è ambasciatore, Nole ha approfondito l’importanza delle questioni ambientali nella sua vita di tutti i giorni.

Djokovic sottolinea l'importanza delle questioni ambientali

“Quanto è importante la natura per noi e per la vita stessa? Questa è la domanda che ogni individuo si dovrebbe porre. Sappiamo tutti quanto sia fondamentale la natura per il funzionamento del nostro pianeta, quindi è chiaro che le questioni ambientali occupino un ruolo di primissimo piano” – ha dichiarato Novak.

“Non bisogna dimenticare che questo è l’unico pianeta che abbiamo, pertanto è utile cercare di vivere in armonia con la natura. Per fare ciò, dobbiamo essere consapevoli del nostro legame con la natura.

Quest’ultima influenza anche la nostra anatomia e tutto il nostro sistema metabolico” – ha proseguito. Djokovic sa che ci vorrà del tempo perché tutti si accorgano dell’importanza di questi temi.

“Vorrei che la gente raggiungesse una piena consapevolezza di tutto ciò in breve tempo, così da lavorare tutti assieme per migliorare il pianeta. Tuttavia non è possibile, serve essere pazienti e andare avanti a piccoli passi”.