Famosa ginnasta belga sbalordita dalla flessibilità di Novak Djokovic



by   |  LETTURE 7309

Famosa ginnasta belga sbalordita dalla flessibilità di Novak Djokovic

Novak Djokovic sperava di tornare dalle Olimpiadi di Tokyo con la medaglia d’oro in singolare, che gli avrebbe permesso di continuare ad inseguire un sogno chiamato ‘Calendar Golden Slam’. La corsa del fuoriclasse serbo si è arrestata bruscamente in semifinale per mano di Alexander Zverev, che ha rimontato un set e un break di svantaggio aggiudicandosi dieci degli ultimi 11 game della sfida.

Non è certo passato inosservato il crollo psico-fisico del numero 1 ATP, sfinito dalle imprese realizzate negli ultimi due mesi. Il 34enne di Belgrado si è arreso anche a Pablo Carreno Busta nella ‘finalina’ che assegnava il bronzo (oltre ad aver rinunciato al doppio misto).

È recentissima la notizia che il 20 volte campione Slam non prenderà parte al Masters 1000 di Cincinnati la settimana prossima. Per rivedere Nole in campo bisognerà aspettare dunque gli US Open. In caso di trionfo a New York, Djokovic suggellerebbe un epico Grande Slam (mai più riuscito dai tempi di Rod Laver).

In una lunga intervista a ‘RTBF Sport’, la famosa ginnasta belga Nina Derwael ha approfondito il suo incontro con Novak nel Villaggio Olimpico a Tokyo.

Djokovic tornerà in campo agli US Open

“Ci trovavamo nella sala pesi e all’improvviso abbiamo visto arrivare Novak Djokovic” – ha esordito la Derwael.

“Il nostro desiderio era quello di scattare una foto insieme a lui senza disturbarlo mentre si allenava. Ad un certo punto, Novak si è messo a guardarci ed è rimasto sorpreso dalla nostra elasticità.

Si è posizionato accanto a me, ha preso il telefono e lo ha dato al suo allenatore. Ha provato a fare la spaccata anche lui e ci è riuscito perfettamente, ma io gli ho detto che doveva aprire le braccia per sembrare come noi.

Lui lo ha fatto e ci siamo messi a ridere tutti insieme. Sono rimasta sbalordita dalla sua eccezionale flessibilità” – ha aggiunto. Il fisico di Nole gli consente di allungarsi e scivolare in modi mai visti prima su un campo da tennis. Ricordiamo inoltre che il serbo ha già staccato il pass per le ATP Finals di Torino.