Joseph Gilbert: "Djokovic e Nadal stanno giocando in maniera diversa"



by   |  LETTURE 3558

Joseph Gilbert: "Djokovic e Nadal stanno giocando in maniera diversa"

Joseph Gilbert, coach del giovane tennista Jenson Brooksby, ha parlato del tennis in generale e commentando ciò che sta accadendo nel circuito ha affermato che Novak Djokovic e Rafael Nadal sono ancora ad un livello abbastanza diverso rispetto a tutto il resto del circuito.

Nole ha vinto i primi tre tornei del Grande Slam dell'anno ed è attualmente numero uno al mondo mentre Rafa sta avendo qualche problema negli ultimi tempi, ha subito una dura sconfitta al Roland Garros ma è pronto per riscattarsi agli Us Open dove ripartirà da numero 3 al mondo.

Ai microfoni di Tennis.com Joseph Gilbert ha rivelato: "Mi piacciono ancora Novak Djokovic e Rafael Nadal ma devo dire che stanno giocando in un modo diverso rispetto al passato. Si trovano davanti a tennisti giovani e davvero molto aggressivi e ogni giorno sembra che stiano arrivando e sembrano ad un passo dal raggiungerli.

Loro non sono crollati fisicamente, hanno esperienza e la sfruttano insieme alla strategia ed alla disciplina per riuscire a fermarli"

Le parole di Gilbert su Jenson Brooksby

Parlando più del suo assistito Gilbert ha commentato i buoni risultati recenti del tennista ed il fatto che Brooksby ha raggiunto la finale nel torneo Atp di Newport, torneo che lo ha visto cedere solo al più esperto Kevin Anderson.

Ecco le sue parole: "Nel 2019 si è qualificato per gli Us Open ed ha battuto un tennista forte come Tomas Berdych, poi è arrivato il Covid e questi due anni hanno fermato l'ascesa del tennista. Abbiamo dovuto prendere una decisione ed alla fine ha pensato molto alla preparazione fisica, così Jenson è diventato più grande e forte.

Gli infortuni lo hanno rallentato ed è stato frustrante per tutti noi ma intanto abbiamo lavorato sui punti deboli e credo che il prossimo anno sarà pronto fin dall'inizio. Sull'erba Jenson si trova a suo agio, usa bene lo slice ed i dropshots, credo che abbia grossi margini di miglioramento. Gli piace giocare davanti al pubblico, era davvero entusiasta di avere tutta quella folla a vederlo"