Corretja parla delle ultime scelte di Novak Djokovic



by   |  LETTURE 1981

Corretja parla delle ultime scelte di Novak Djokovic

Novak Djokovic ha ribadito in più di un’occasione che il suo vero obiettivo è quello di arrivare nella migliore forma possibile ai tornei del Grande Slam. Proprio per questo, il campione serbo ha deciso di saltare alcuni importanti tornei, come i Masters 1000 di Miami e Madrid, e di concentrarsi in vista dei grandi impegni del 2021.

Le parole di Corretja su Novak Djokovic

“Nole non ha bisogno di giocare ogni settimana” , ha spiegato Alex Corretja in un’intervista rilasciata a Tennis Head. “Ha solo bisogno di giocare quel tanto che basta per trovare il ritmo e combattere nei tornei del Grande Slam.

Novak ha un gioco incredibile. La maggior parte dei giovani colpisce forte a partire dal servizio e utilizzano il rovescio bimane; quindi quanto affrontano Djokovic si ritiravano davanti a uno specchio, che però è molto più forte di loro.

Ecco il motivo per cui questi giocatori hanno tanti problemi quando giocano contro Nole. Novak non ottiene più tanti vincenti perché non ha una mano destra micidiale. Ha una buona spinta, ma non basta per ottenere tanti vincenti.

La mobilità è un aspetto molto importante per il suo tennis; deve sempre sentirsi e muoversi bene in campo. Masters 1000 saltati? Pensi che Novak sia stato molto intelligente, perché consumerebbe troppe energie se li giocasse tutti.

A nessuno importa se vincerà 36, 38 o 40 Masters 1000; tutti si ricorderanno quanti Slam avrà conquistato. È stato bravo a giocare il Masters 1000 di Roma e a riposarsi una settimana prima di Belgrado 2” .

Corretja si è infine soffermato su Daniil Medvedev, non proprio al massimo delle sue potenzialità sulla terra battuta. "La prima cosa che direi a Medvedev è di smetterla di dire che odia la terra, perché aiuta molto i suoi avversari.

Se fossi uno tra Garin o Ramos-Vinolas, che sono giocatori molto difficili da battere sulla terra, proverei a spostare Medvedev dal primo punto, perché so che odia giocare su quella superficie. Va bene, non giochi bene sulla terra come sul cemento, ma sei comunque competitivo. Sei un grande giocatore, hai un buon servizio e un buon rovescio"