Troicki svela il motivo per cui Djokovic ha un immagine peggiore rispetto Federer



by   |  LETTURE 1772

Troicki svela il motivo per cui Djokovic ha un immagine peggiore rispetto Federer

Il tennista e capitano della squadra serba di Coppa Davis Viktor Troicki ha rilasciato un'interessante intervista ai microfoni di Objective dove ha parlato della crescita del tennis serbo in generale e sopratutto riguardo l'immagine del numero uno al mondo Novak Djokovic, comparato agli altri due membri dei Big Three, Roger Federer e Rafael Nadal.

Ecco alcune sue parole: "Dopo la sconfitta contro Karatsev non ho parlato con Nole, ha perso ed è andato subito a casa a riposare con la sua famiglia. Non ho avuto modo di parlare con lui"

Troicki parla così su Novak Djokovic

Continuando a parlare di Nole, Troicki ha dichiarato: "Novak Djokovic è favorito in ogni torneo che gioca, forse solo al Roland Garros è diverso e più complicato perché c'è Nadal.

Personalmente non lo vedo però in grande condizione anche se ha vinto a Barcellona, non sembra il Rafa che dominava alcuni anni fa. Sicuramente al Roland Garros è diverso perché è il suo torneo favorito.

Il fatto che Djokovic ha perso in due tornei consecutivi non cambia nulla, la sua priorità in questa stagione è sui Grandi Slam. Credo che sarà Djokovic a vincere a Wimbledon ed agli Us Open" Riguardo l'opinione diversa che la gente ha su Djokovic rispetto a Federer e Nadal, Nole ha dichiarato: "È evidente a tutti che c'è una grande avversione nei confronti di Nole: tutto è iniziato quando Nadal e Federer dominavano il circuito, poi è apparso un ragazzino serbo che li batteva nella maggior parte dei tornei, la verità è che lui non piaceva e sopratutto il mondo non ha una bella immagine della Serbia.

Djokovic è un uomo con buone intenzioni, vuole aiutare tutti e lo ha dimostrato in più occasioni" Novak Djokovic ha deciso di non partecipare al Masters 1000 di Belgrado: il campione serbo riposerà in vista dei prossimi impegni con il torneo di Roma e di Belgrado 2 che lui utilizzerà come preparazione per la prossima edizione del Roland Garros.