Novak Djokovic torna tra le montagne della Serbia



by   |  LETTURE 2744

Novak Djokovic torna tra le montagne della Serbia

Sconfitto nella semifinale dell’ATP 250 casalingo di Belgrado per mano del russo Aslan Karatsev in tre set, Novak Djokovic ha preso la decisione di non presentarsi al Masters 1000 di Madrid, torneo da lui vinto nel 2019 contro il greco Stefanos Tsitsipas.

Nole, che quest’anno vanta un bilancio di 12 vittorie e 2 sole sconfitte, ha trionfato agli Australian Open di Melbourne per la nona volta in carriera, dopo aver superato nell’ultimo match Daniil Medvedev per tre set a zero.

Nuova escursione per Novak

Assente dunque nella capitale spagnola, Djokovic avrà adesso un sacco di tempo da poter dedicare assieme alla propria famiglia. Così, negli scorsi giorni è tornato a visitare il Monte Rtanj, un rilievo di oltre 1500 metri di altezza in Serbia.

Scrivendo sui social, Novak ha commentato: “Il Monte Rtanj è una delle montagne più misteriose e potenti della nostra nazione, probabilmente persino oltre. Questa è la seconda volta che ho raggiunto la cima assieme a Jelena”.

E poi: “Simbolicamente, quando scaliamo fino alla vetta di una montagna, affrontiamo un viaggio faticoso sia dal punto di vista mentale che da quello fisico. Quando raggiungiamo la cima ci sentiamo orgogliosi, ma solo se abbiamo saputo apprezzare l’intero viaggio ci sentiremo davvero realizzati”.

Il campione di Belgrado tornerà a giocare agli Internazionali BNL di Roma tra pochi giorni, torneo vinto la scorsa stagione contro Diego Schwartzman in due set. Grande favorito a Madrid lo spagnolo Rafael Nadal, che potrebbe incontrare al terzo turno il giovanissimo Jannik Sinner, nella rivincita della sfida andata in scena lo scorso autunno al Roland Garros di Parigi.

Il venticinquenne di Roma Matteo Berrettini, campione a Belgrado, ha la possibilità di sfidare nella prima partita del torneo Fabio Fognini, sempre che il ligure riuscirà a superare prima un giocatore proveniente dalle qualificazioni.

Quest’anno si tornerà a competere anche a Wimbledon, ma con una capienza limitata di spettatori. La città di Torino ospiterà a novembre le Finals ed una fase conclusiva della Coppa Davis. Photo Credit: Eurosport