Wimbledon 2021, l’idea di Novak Djokovic che non piace a Tim Henman



by   |  LETTURE 11091

Wimbledon 2021, l’idea di Novak Djokovic che non piace a Tim Henman

Il numero uno del mondo Novak Djokovic si è sempre espresso a favore dell’utilizzo della tecnologia nel mondo del tennis, che specialmente in questo anno di pandemia è stata impiegata – è solo un esempio – per rimpiazzare i giudici di linea in campo, sostituiti dalla chiamata ‘live’ di Hawk Eye.

Si è trattata di una soluzione sperimentata anche agli ultimi Australian Open, conquistati per la nona volta in carriera dal serbo dopo la vittoria in finale su Daniil Medvedev con il punteggio di 7-5 6-2 6-2.

L’opposizione di Henman

Nato nel 1974, ex numero 4 del mondo e quattro volte semifinalista a Church Road, l’inglese Tim Henman non ha concordato con il pensiero di Djokovic, come rivelato in un’intervista pubblicata anche da EssentiallySports: “A me piace l’elemento umano, l’interazione tra i giocatori e i giudici di linea, con i giocatori che scelgono quando richiedere un challenge.

Mi piace anche quando, in certe occasioni, i challenge sono finiti e i tennisti non ne hanno più a disposizione”. Henman ha poi aggiunto: “Se dovessimo utilizzare solamente la chiamata in diretta di Occhio di Falco, credo che verrebbe meno quella interessante opportunità per le persone di essere coinvolte in questo mondo, l’incentivo non ci sarebbe più”.

L’ex giocatore britannico ha infine concordato sul fatto che Hawk Eye si rivelerà certo utilissimo nel caso il torneo di Wimbledon dovesse disputarsi con una capacità altamente ridotta di spettatori, ma allo stesso tempo non si è detto pronto a rinunciare del tutto al supporto fornito dai giudici di linea.

Lo scorso anno, Djokovic è stato clamorosamente squalificato dagli Us Open di New York dopo aver accidentalmente colpito con una pallina proprio una giudice di linea a fondo campo, nel match di ottavi di finale contro lo spagnolo Pablo Carreno Busta.

Nole è stato battuto nella sua seconda partita del Masters 1000 di Monte Carlo da Daniel Evans, vincitore in due set. Photo Credit: Yardbarker.com