La preparazione di Novak Djokovic per il tornei sulla terra passa da Montecarlo



by   |  LETTURE 1809

La preparazione di Novak Djokovic per il tornei sulla terra passa da Montecarlo

Novak Djokovic, che venerdì scorso ha annunciato che si sarebbe ritirato dal Masters 1000 di Miami per trascorrere più tempo con la sua famiglia, ha già iniziato la sua preparazione per i prossimi tornei del tour europeo.

In questi giorni il numero uno del mondo si è spostato al Monte Carlo Country Club, per iniziare gli allenamenti sulla terra battuta in vista dei prossimi tornei su questa superficie che per lui inizierà proprio con il Masters del Principato di Monaco previsto secondo il calendario il prossimo 11 aprile.

Inevitabile quando si parla di tornei sulla terra, che il pensiero vada a Rafa Nadal, eterno rivale del serbo e giocatore piu vincente della storia su questa superficie. Se sarà l'ennesimo duello di una sfida infinita potrà dircelo solo il tempo.

L'ultima volta che si sono affrontati è stato proprio sulla terra, nella finale del Roland Garros, lo scorso settembre. In quel caso lo spagnolo ha dato una vera e propria lezione di tennis al numero uno del mondo.

Non c'è stata la rivincita che molti tifosi speravano di vedere nel primo slam stagionale. Agli Australian Open infatti, i due mostri sacri del tennis moderno, non si incontrati, quindi Djokovic non ha avuto modo di ricambiare lo smacco ricevuto all'Open di Francia 2020.

La roadmap del 18 volte campione Slam lo porterà poi a Belgrado, al Mutua Madrid Open e a Roma, come preludio al Roland Garros. Il serbo ha voluto condividere con i suoi followers il suo arrivo sui campi del Principato di Monaco: ha postato su Twitter una foto ed un video scrivendo così: "La primavera significa strade sterrate.

È giunto il momento di sporcarsi i calzini"

L'ultimo successo del tennista serbo al Masters 1000 di Montecarlo, risale al 2015, quando superò in finale Tomas Berdich con il punteggio di 7-5, 4-6, 6-3.

Da allora Djokovic non è approdato più nemmeno in finale. Campione in carica del torneo è Fabio Fognini, che nella domenica di Pasqua di due anni fa, ha fatto sognare l'Italia intera aggiudicandosi il suo primo Masters 1000 della carriera superando in finale Dusan Lajovic.