Ecco come Daniil Medvedev può scavalcare Novak Djokovic in classifica



by   |  LETTURE 6548

Ecco come Daniil Medvedev può scavalcare Novak Djokovic in classifica

Il ranking di questa settimana ha visto un clamoroso ribaltamento e risultato nelle prime posizioni: il tennista russo Daniil Medvedev ha superato in classifica il venti volte vincitore di tornei del Grande Slam (e 13 volte al Roland Garros) Rafael Nadal ed è diventato il numero due al mondo.

È un risultato quasi storico per la storia del tennis recente con Medvedev che è il primo tennista dal lontanissimo 2005 ad entrare nella Top 2 del ranking che non sia un membro dei Big Four, ovvero Roger Federer, Novak Djokovic, Rafael Nadal ed Andy Murray.

L'ultimo tennista a non fare parte di questo gruppo ad essere un Top 2 fu l'australiano Lleyton Hewitt, ormai oltre 15 anni fa. Il dilemma che ora tutti gli appassionati di tennis si pongono è, se e quando, il talentuoso e giovane russo supererà in classifica Novak Djokovic.

Nei prossimi mesi Medvedev ha una grossa opportunità e può superare in classifica Nole.

Come Medvedev può superare Djokovic?

In questo momento della classifica Daniil Medvedev ha 9940 punti mentre Novak Djokovic è invece a quota 12008 punti ed ha 2068 punti di vantaggio sul russo.

I prossimi tornei saranno decisivi per capire il futuro della prima posizione mondiale. Entrambi i tennisti hanno solo 90 Punti al Miami Open e possono entrambi guadagnare tanti punti: in caso di vittoria del Masters 1000 di Miami Medvedev può facilitare le cose e avvicinare la prima posizione mondiale.

Difatti la stagione in terra sarà decisiva e gli eventuali miglioramenti su questa superficie di Medvedev saranno molto importanti; Novak Djokovic è campione in carica a Madrid ed agli internazionali d'Italia a Roma mentre è stato finalista all'ultimo Roland Garros, invece Medvedev ha solo 10 punti da Madrid e Roma e negli ultimi quattro anni è sempre uscito al primo turno del Roland Garros.

Gli eventuali progressi di Medvedev sulla terra potranno decidere di conseguenza il primato della classifica mondiale e sebbene il russo ha sempre faticato recentemente tutti gli addetti ai lavori sono curiosi di capire come si presenterà il russo quest'anno sulla terra battuta.