Murray sta con Novak Djokovic: "È un campione. Troppe polemiche attorno a lui"



by   |  LETTURE 2625

Murray sta con Novak Djokovic: "È un campione. Troppe polemiche attorno a lui"

Coetanei, protagonisti di tanti incontri giovanili, rivali durante le finali slam e talvolta compagni di allenamento. Novak Djokovic e Andy Murray sono stati protagonisti di una carriera che per tanti anni li ha visti uno accanto all’altro, o meglio, uno contro l’altro, nel circuito.

Una rivalità che ha premiato tante volte Djokovic, capace di conquistare più titoli, più vittorie e di raggiungere la vetta della classifica mondiale prima ancora che lo scozzese vincesse il suo primo titolo del grande slam.

Eppure Andy le sue rivincite non ha lesinato a prendersele, per giunta in occasioni illustri: la vittoria a New York del 2012, quella a Wimbledon nel 2013 e ancora le tante sfide che hanno prima preceduto e poi sancito la conquista della prima posizione del ranking Atp del campione scozzese nel 2016.

Un rapporto sul campo che, evidentemente, non poteva che sfilacciarsi dopo il terribile calvario agonistico che ha visto protagonista Murray, tanti anno fermo e ora costretto a elemosinare wild card per costruirsi una classifica e migliorare una forma fisica che non tornerà mai quella di un tempo.

I due campioni non hanno tuttavia mai nascosto la stima reciproca e ultimamente il tennista britannico ne ha dato prova difendendo Nole dalle tante accuse ricevute nell’ultimo mese in Australia, sia prima che durante il prima slam della stagione.

Non è un segreto infatti che, nonostante i suoi numerosi record e il suo posto solido tra i migliori tennisti della storia, Novak Djokovic sia ancora lontano dall'essere apprezzato unanimemente. Un trattamento incomprensibile per l'ex numero del mondo, il quale ha recentemente ribadito come le vittorie di Nole e il modo in cui le ottiene, come ad esempio quella di quest’anno a Melbourne, dovrebbero semplicemente mettere a tacere tutte le polemiche che troppe volte vengono montate contro il serbo.

Ecco le parole decise del 3 volte campione slam

“È stata una grande vittoria per Novak (agli Australian Open), ha dimostrato di essere ancora al top. È un risultato enorme vincere un torneo così tante volte, quel fatto avrebbe dovuto mettere a tacere i suoi critici ", ha detto lo scozzese, che ha poi sottolineato come campioni come Nole, Roger Federer e Rafa Nadal, dovrebbero essere apprezzati a prescindere dal tifo, perché hanno caratteristiche comuni che li hanno resi prima vincenti e poi campioni – “I migliori giocatori si distinguono per il loro incredibile talento, forza mentale, concentrazione, dedizione e duro lavoro.

Hanno anche grandi squadre intorno a loro che aiutano davvero. Inoltre, il tennis è un gioco in cui l'esperienza è molto importante. Li aiuta notevolmente contro i giovani giocatori ora." – ha concluso lo scozzese.