Roger Federer commenta la squalifica di Novak Djokovic agli Us Open 2020



by   |  LETTURE 26453

Roger Federer commenta la squalifica di Novak Djokovic agli Us Open 2020

Il 2020 di Novak Djokovic è stato sicuramente un anno abbastanza particolare e controverso. Il campione serbo, numero uno al mondo, da un lato ha conquistato subito tornei come l'Atp Cup e l'Australian Open, ha iniziato una serie incredibile di vittorie e dall'altro lato però è stato protagonista di invece alcuni episodi abbastanza controversi.

Abbiamo visto le diverse critiche che il campione serbo ha subito all'Adria Tour dove ha fatto parte dell'organizzazione del torneo ed ha ricevuto numerose critiche. Oltre a questo l'episodio più particolare dell'intero 2020 riguarda ciò che è successo agli Us Open 2020: nel corso del match valido per gli Ottavi di finale contro Carreno Busta, al termine del primo set Djokovic è stato squalificato per aver colpito erroneamente il giudice di linea ed è stato così eliminato dal torneo.

Dopo quella gara Novak Djokovic è apparso abbastanza scosso e sopratutto ha perso un importante chance per accorciare nella corsa agli Slam nei confronti di Rafael Nadal e Roger Federer.

Roger Federer commenta ciò che è accaduto agli Us Open

Nel corso della conferenza stampa prima del suo esordio a Doha Roger Federer ha commentato la squalifica di Novak Djokovic e tutto ciò che è successo nel 2020.

Ecco le sue parole: "Djokovic è stato davvero sfortunato agli Us Open, credo che lo pensano tutti. È vero che in occasione del genere si deve mantenere il controllo, ma sono cose che possono capitare a chiunque.

L'Adria Tour? Forse è stata fatta troppo presto. In generale non vedo Djokovic da molto tempo ma posso dire che lui fa sempre il massimo per provare ad aiutare gli altri tennisti del circuito" Roger Federer nei prossimi giorni tornerà a giocare un match di tennis nell'Atp 250 di Doha dove sfiderà il vincente del match tra Daniel Evans ed il francese Jeremy Chardy, sfida comunque molto insidiosa per un tennista fermo da circa 14 mesi, esattamente dalle semifinali degli Australian Open del 2020.