Gilles Cervara: "A Melbourne Novak Djokovic ha disputato una finale incredibile"



by   |  LETTURE 5271

Gilles Cervara: "A Melbourne Novak Djokovic ha disputato una finale incredibile"

Gli Australian Open 2021 si sono conclusi da qualche settimana ma nonostante ciò si continua a parlare di ciò che è accaduto a Melbourne con il numero uno al mondo Novak Djokovic che ha vinto il primo Slam dell'anno per il terzo anno consecutivo, asfaltando in tre set in finale il russo Daniil Medvedev.

Nel corso di un'intervista ai microfoni di Blog Betway ha parlato Gilles Cervara, coach del numero 3 al mondo Daniil Medvedev e davvero vicino al numero 2 Rafael Nadal. Cervara si è concentrato su cosa serve al suo assistito per migliorare e nel corso dell'intervista ha parlato anche di Novak Djokovic e di come il serbo ha meritato la vittoria in finale.

Le parole di Gilles Cervara sugli Australian Open

Gilles Cervara ha dichiarato: "Per Daniil Medvedev entrare nella Top 3 non era affatto il suo sogno, ma tutt'altro. Se continua a lavorare come ha fatto negli ultimi mesi, credo che ha la possibilità di confermare questa posizione o addirittura migliorare.

Devo dire che più passano i giorni e più Daniil sembra maturare" Sulla finale degli Australian Open Gilles invece ha riferito: "Medvedev ha fatto un gran torneo ed ha dimostrato che ha fatto un passo in avanti.

Già lo scorso anno concluse in un ottimo modo ed anche in questo 2021 è iniziato bene. Per vincere un Grande Slam ha però bisogno di migliorare alcuni dettagli, penso alla finale dove sono successe tante cose.

Penso che il livello di Novak Djokovic era sensazionale ed ha mostrato perché quando gioca in Australia lui si sente a casa. Daniil non ha giocato una brutta gara, ma non era lo stesso delle gare precedenti e questo in una finale fa oscillare la gara dal lato del tuo avversario.

Per quel che riguarda cosa migliorare, lui deve migliorare sia la sua presenza a rete che nella volée, per il resto è un tennista molto solido. Deve migliorare anche mentalmente ed in alcune fasi della gara, ma credo che anche a questo livello sono passaggi che quasi chiunque deve migliorare, è normalità"