Il capitano di Davis tedesca: "Djokovic vince le partite soprattutto mentalmente"



by   |  LETTURE 3199

Il capitano di Davis tedesca: "Djokovic vince le partite soprattutto mentalmente"

A volte tutto può cambiare in poche ore. Quella che sembrava una campagna australiana fallimentare e sfortunata per il numero uno del mondo Novak Djokovic, si è evoluta col passare dei turni in una vera e propria manifestazione di capacità tecniche e forza mentale da parte del serbo, capace di annichilire Medvedev in finale e di interrompere con una cesura degna di un giustiziere la striscia di vittorie consecutive del russo che era iniziata al master mille di Parigi-Bercy.

Sì, perché quello di Melbourne è stato un torneo che prima ancora di ribadire la superiorità tennistica di Nole su quei campi, ha premiato e sublimato la resilienza del serbo, la sua mentalità.

Un’opinione condivisa e navigata anche da Patrick Kuhnen, ex giocatore professionista e capitano della squadra tedesca di Coppa Davis, che ha dichiarato recentemente di ammirare la capacità di Nole di vincere le partite con la testa, prima che con il proprio tennis.

“Molte cose ci fanno pensare che il serbo alla fine supererà Federer e Nadal e diventerà il migliore nei record. L'Australian Open mi ha chiarito ancora una volta che Djokovic gioca e vince soprattutto mentalmente.

È ancora di più riesce a entrare nella mente dei suoi avversari. Con la sua capacità di chiudere il campo, di tornare così brillantemente dopo ogni imprevisto e di giocare in modo impeccabile nei momenti decisivi, la pressione sull'avversario inevitabilmente aumenterà sempre " - ha dichiarato all’emittente tedesca di Sky Sport.

Record di slam già quest'anno per Nole?

Una sentenza senza appello da parte di Kuhnen, a cui è stato anche chiesto se a questo punto il giocatore serbo sarà favorito in tutti gli slam e se riuscirà nel caso a conquistare il record di major già in questa stagione, agguantando e nel caso superando i suoi due più grandi rivali, Rafa Nadal e Roger Federer.

“Il grande favorito del Roland-Garros è, come sempre, Rafael Nadal. Ma il favorito per Wimbledon e gli US Open ora deve essere Novak Djokovic, dunque può già appaiarli quest’anno” – ha concluso il capitano di Davis.