Kafelnikov esalta Djokovic: "Più si avvicina il titolo e meglio gioca"



by   |  LETTURE 2919

Kafelnikov esalta Djokovic: "Più si avvicina il titolo e meglio gioca"

Un cammino a ostacoli questo Australian Open per Novak Djokovic, dove le difficoltà non sempre sono state rappresentate dagli avversari, ma nella maggior parte dei casi dai suoi problemi fisici, che soprattutto nei primi turni ne hanno minato le certezze e la propria superiorità.

Mai Nole era giunto in una finale a Melbourne, torneo in cui ha conquistato 8 titoli su 8 finali raggiunte prima del 2021, con 5 set persi. Una novità che descrive limpidamente le difficoltà avute dal serbo, che solo in semifinale, contro la sorpresa Karatsev, ha mostrato di essere più sereno e integro sia fisicamente che mentalmente.

In merito al percorso del 17 volte campione slam è intervenuto l'ex numero uno del mondo Yevgeny Kafelnikov, che ha sottolineato come Novak sia giunto in finale senza aver dovuto esprimere (o senza essere riuscito a esprimere) un grande livello di tennis.

Dunque, secondo il russo, nonostane le insidie, il serbo sembra aver lasciato il proprio miglior tennis per l'atto finale del torneo, come spesso è capitato durante la propria carriera.

Domenica Nole andrà a caccia del 18esimo titolo slam

“C'è una bellissima citazione del nostro buon amico Stefan Edberg che dice: 'Non puoi aspettarti di giocare sette partite meravigliose per vincere un titolo del Grande Slam.

Giocherete forse una o due partite importanti nel torneo. Questo è ciò che sta accadendo con Novak. Il suo livello medio di gioco è così alto che non può scendere al di sotto di un certo punto; questo livello è sufficiente per battere la maggior parte dei suoi avversari e questo lo rende diverso dagli altri.

Anche se Novak finora non ha giocato tre o quattro partite importanti, sono sicuro che sarà al meglio in finale. È un predatore, quando sente l'odore di qualcosa di grosso lo afferra e lo fa suo. Vuole essere quello con il maggior numero di titoli del Grande Slam e più si avvicina al titolo, meglio giocherà " – ha dichiarato il due volte campione slam, che dunque pronostica un Djokovic tirato a lucido per l’ultimo match del torneo, quello più importante, quello che Nole non sbaglia mai qui in Australia, quello che potrebbe avvicinarlo ancora di più ai suoi due grandi rivali