Vilella Martinez: "Vi spiego cosa rende Novak Djokovic il migliore in assoluto"



by   |  LETTURE 1881

Vilella Martinez: "Vi spiego cosa rende Novak Djokovic il migliore in assoluto"

Novak Djokovic si sta attualmente allenando a Marbella, dove ha spostato la sua residenza, per preparare al meglio l’inizio della nuova stagione. Il numero 1 del mondo ha investito una cifra considerevole per allestire una lussuosa residenza per lui e la sua famiglia.

Il 2020 è stato piuttosto agrodolce per il 17 volte campione Slam, rimasto imbattuto fino alla lunga sospensione del circuito per via dell’emergenza sanitaria. Il fenomeno serbo ha sofferto più di altri la pausa dal tennis, benché si sia aggiudicato il Masters 1000 di Cincinnati e gli Internazionali BNL d’Italia alla ripresa delle operazioni.

La clamorosa squalifica rimediata agli US Open per una pallata accidente ad una giudice di linea ha destabilizzato Nole, che ha fallito una ghiottissima opportunità di mettere in bacheca il suo 18° Major. Djokovic sperava di rifarsi al Roland Garros, dove ha raggiunto la finale, ma uno scatenato Rafael Nadal gli ha inflitto una delle batoste più nette della sua carriera.

Durante un’intervista a Marca, Mario Vilella Martinez ha spiegato cosa renda Novak il miglior giocatore del mondo. Lo spagnolo è stato il compagno di allenamenti del veterano di Belgrado in queste ultime settimane.

Vilella Martinez: "Gli sono grato per i consigli che mi ha dato"

“Le sessioni di allenamento con Novak Djokovic sono state fantastiche per me” – ha esordito Vilella Martinez. “Si può dire che è il numero 1 al mondo per come colpisce la pallina, per come si muove, per quanto sono incisivi i suoi colpi, per la sua elasticità.

Gli sono grato per tutti i consigli che mi ha dato” – ha proseguito. Il nuovo sistema di ranking introdotto per fronteggiare le conseguenze della pandemia ha rappresentato un grosso ostacolo per Vilella Martinez, che si trova al numero 191 ATP.

“Spero di poter scalare la classifica il prossimo anno, ma non è affatto semplice a causa del nuovo sistema di classifica. Ogni volta che ci sono tentativi di modificare i termini della collaborazione tra giocatori e tornei, come per esempio attraverso la PTPA, è un bene per tutti”.