Djokovic: "Io, Nadal e Federer? Parlano del nostro ritiro, ma siamo i migliori"



by   |  LETTURE 4829

Djokovic: "Io, Nadal e Federer? Parlano del nostro ritiro, ma siamo i migliori"

Si tende troppo spesso a considerare i tornei del Grande Slam come l’unico metro di giudizio capace di eleggere il migliore tennista della storia. Come se i sacrifici ed il lavoro di un singolo giocatore potessero davvero essere misurati in base ad una vittoria.

Le emozioni che Roger Federer, Novak Djokovic e Rafael Nadal stanno regalando agli appassionati di questo meraviglioso sport sono così grandi, che un giorno tutti guarderanno al passato con il rimpianto di non essere riusciti a comprendere davvero la forza e lo spessore di queste tre leggende.

La risposta da campione di Novak Djokovic

Dopo la dura sconfitta subita al Roland Garros in finale, ci ha pensato Djokovic a fornire l’ennesimo esempio di cosa vuol dire essere un campione e di cosa vuol dire lavorare ogni giorno per raggiungere determinati risultati.

“È diventato impossibile superare Federer e Nadal nella lotta al primato Slam? Se pensassi che sia troppo tardi, porrei fine alla mia carriera oggi” , ha dichiarato il serbo in conferenza stampa. “Non credo che sia tardi.

Continuerò a giocare finché avrò benzina nelle gambe ed amore nei confronti di questo sport. Una sconfitta, anche in una finale Slam, non può destabilizzarmi. Non permetto a certe speculazioni di infastidirmi, ho sviluppato una ‘pella spessa’ .

Io, Nadal, e soprattutto Federer, siamo stati dati troppe volte per finiti. Le persone parlano del nostro ritiro, ma noi continuiamo e dimostriamo che siamo i migliori al mondo nonostante tutta la pressione che abbiamo. Il mio desiderio è restare grande.

Amo questo sport. I miei obiettivi professionali restano gli stessi: essere il tennista con il maggior numero di settimane trascorse al primo posto e con il maggior numero di Slam vinti. Se riuscirò a raggiungere il primo traguardo, cosa che spero di fare il prossimo anno, mi concentrerò principalmente sui tornei del Grande Slam” .

Proprio pensando al primo dei suoi più grandi obiettivi, Djokovic ha deciso di partecipare al torneo ATP 500 di Vienna per incrementare il suo vantaggio su Nadal nel ranking mondiale.