Moya stuzzica Ivanisevic: "Noi non avremmo mai detto quelle cose a Djokovic"



by   |  LETTURE 14766

Moya stuzzica Ivanisevic: "Noi non avremmo mai detto quelle cose a Djokovic"

Prima dello scontro finale tra Rafael Nadal e Novak Djokovic al Roland Garros , Carlos Moya e Goran Ivanisevic, rispettivamente coach del primo e del secondo, hanno avuto un atteggiamento del tutto diverso alla gara. Moya ha pensato soprattutto ad elogiare le qualità di Djokovic affermando di vedere in lui uno dei migliori della storia e che avrebbero adottato una tattica per fermarlo mentre dall'altro lato il coach croato non ha avuto dubbi affermando che Novak Djokovic avrebbe vinto sicuramente.

In fin dei conti quest'ultimo si è sbagliato visto che a vincere ancora una volta è stato l'ormai 13 volte campione del torneo parigino. La gara non ha avuto storia e Nadal ha trionfato in due ore e 41 minuti con il risultato di 6-0;6-2;7-5.

Per Nadal si è trattato del 100 successo in 102 gare, un risultato incredibile solo a pronunciarlo.

Carlos Moya e la battaglia di coach contro Ivanisevic

In finale Rafa ha avuto un atteggiamento aggressivo e concentrato fin dal primo istante non lasciando scampo al numero uno al mondo.

Nadal ha concluso il match con 31 vincenti e solo 14 errori non forzati mentre Djokovic ha raggiunto addirittura 52 errori non forzati ed è stato incapace di opporre resistenza nei confronti del forte avversario. Al termine del match Carlos Moya è tornato sulle parole di Ivanisevic, stuzzicando così il collega e coach del numero 1 al mondo.

Ecco le sue parole: "Conosco Goran Ivanisevic e comprendo il ruolo che deve svolgere. Posso dire però che nessuno del nostro staff e in generale del team di Rafa avrebbe mai detto una cosa simile a quella che ha detto lui.

Non so perché lui l'ha fatto, ma penso che sia stato un modo per mettere pressione al suo tennista, evidentemente non ha funzionato" Rafael Nadal ha vinto il Roland Garros disputando un gran torneo e lasciando a secco gli avversari: Rafa non ha concesso nemmeno un set agli avversari ed ha vinto in scioltezza anche con avversari come Jannik Sinner, Diego Schwartzman e appunto il numero uno al mondo Novak Djokovic. Grazie a questo successo ha raggiunto Roger Federer a quota 20 titoli dello Slam.