Evert: “Certe volte Djokovic non è umano, ha un gioco privo di difetti”



by   |  LETTURE 3197

Evert: “Certe volte Djokovic non è umano, ha un gioco privo di difetti”

Il numero uno del mondo Novak Djokovic ha trionfato quest’anno nella nuova ATP Cup, agli Australian Open, a Dubai, Cincinnati e a Roma. Agli Us Open di New York è stato squalificato negli ottavi di finale contro lo spagnolo Pablo Carreno Busta, dopo aver colpito accidentalmente un giudice di linea con la palla.

Quella di Flushing Meadows si è trattata dell’unica ‘sconfitta’ stagionale per Nole, che a Parigi ha raggiunto la sua prima finale dal 2016. Il serbo ha da poco superato il numero di settimane trascorse al primo posto del ranking ATP di Pete Sampras e potrebbe eguagliare il record assoluto di Roger Federer il prossimo anno, all’inizio della primavera.

Evert: “Novak Djokovic è come un robot”

Classe 1954, la statunitense Chris Evert ha conquistato 18 titoli Major in carriera, per un totale di 154 trofei WTA (è seconda solo a Martina Navratilova).

Intervistata dopo il successo di Djokovic sul giovane Stefanos Tsitsipas, l’americana ha commentato: “Certe volte Novak non è umano. Guardo a Nadal e vedo un guerriero che lotta su tutto; finirà per lasciare il sangue sul campo.

Se guardo a Djokovic vedo piuttosto un robot, ma lo dico in senso positivo. La parte mentale del suo gioco è di un livello superiore a tutti; è incredibile. E’ privo di difetti; non commette errori, si muove bene, ha una buona difesa ed un buon attacco.

Se ha un punto debole, allora si tratta di se stesso, se non è magari dell’umore giusto per giocare o è arrabbiato o qualcos’altro del genere. E’ come un muro, è difficile superarlo”.

Queste le parole della campionessa di Fort Lauderdale, citate anche da Tennis World USA. Nel suo percorso verso la finale del Roland Garros, Djokovic ha sconfitto: Mikael Ymer, Ricardas Berankis, Daniel Elahni Galan, Karen Khachanov, Pablo Carreno Busta e il già citato Stefanos Tsitsipas.

Nole ha trionfato a Parigi solo quattro anni fa, su quattro finali disputate. Si tratta dell'unico evento Major che non ha vinto almeno due volte. Photo Credit: EssentiallySports