Fabio Fognini: "Il ritmo di Novak Djokovic non ti permette di ragionare"



by   |  LETTURE 6871

Fabio Fognini: "Il ritmo di Novak Djokovic non ti permette di ragionare"

Il 2020 non è stato un anno semplice per Novak Djokovic, che ha dovuto fronteggiare innumerevoli critiche negli ultimi mesi. Il numero 1 del mondo era finito nell’occhio del ciclone per l’organizzazione dell’Adria Tour, complice il mancato rispetto delle norme relative al distanziamento sociale che aveva portato al contagio di diversi giocatori (incluso lo stesso Nole).

Il fenomeno serbo, che era l’unico dei Big 3 presente agli US Open, aveva la ghiottissima chance di salire a quota 18 Slam, ma si è fatto incredibilmente squalificare colpendo una giudice di linea con una pallata.

Djokovic non si è presentato in conferenza stampa dopo la clamorosa sanzione, ma ha deciso di scusarsi con tutti via social per evitare ulteriori polemiche. A tutto questo si deve aggiungere la creazione della nuova PTPA insieme al collega Vasek Pospisil.

Non ci sono dubbi invece sulle straordinarie abilità di Novak sul rettangolo di gioco. All’interno del suo libro ‘Warning: My Life Between the Lines’, Fabio Fognini ha analizzato il suo rapporto con il 17 volte campione Slam.

Fognini: "Djokovic è un duro"

“Novak Djokovic è un duro. Quando lo affronti vuole schiacciarti. Il suo ritmo è così elevato che non ti permette di ragionare. Lo chiamano ‘uomo di gomma’ per via della sua capacità elastica.

Ha una determinazione semplicemente unica” – ha scritto Fabio. Il veterano ligure ha incontrato Djokovic otto volte nel circuito maggiore, riuscendo a strappargli due soli set. “Il fatto che Novak non sia solo un rivale ma anche un amico rende tutto più complicato.

Le mie migliori partite con lui sono state quelle in cui ci trovavamo uno a fianco all’altro” – ha aggiunto Fognini. I due hanno infatti partecipato al torneo di doppio a Indian Wells lo scorso anno, dove hanno raggiunto le semifinali mettendo in mostra un’ottima chimica di squadra.

Djokovic e Thiem proveranno ad impensierire Nadal al Roland Garros, mentre l’azzurro ha rivelato che potrebbe chiudere la sua stagione dopo lo Slam parigino.