Caruso non si nasconde: "Djokovic? Avrà tanti occhi puntati addosso"



by   |  LETTURE 3220

Caruso non si nasconde: "Djokovic? Avrà tanti occhi puntati addosso"

Salvatore Caruso ha ottenuto la sua prima vittoria in un Masters 1000 agli Internazionali BNL d’Italia dopo aver annullato un match point all’americano Tennys Sandgren. Il tennista azzurro ha giocato un'ottima partita ed è riuscito a giocare bene tutti i punti importanti a differenza del suo avversario.

La partita è terminata con il punteggio di 3-6, 6-3, 7-6( 4) a favore di Caruso, che si è così regalato una sfida speciale al secondo turno con Novak Djokovic.

Caruso non vede l'ora di sfidare Novak Djokovic

“Grande lotta? Mi trovo bene in queste situazioni” , ha dichiarato Caruso ai microfoni di Sky Sport.

“Soprattuto nelle lotte calde, ed oggi è stata dura. Lui è gran giocatore, fisicamente regge bene. Oggi, però, non volevo perderla assolutamente. Negli anni, Roma è stata dura per me. Ho perso delle partite giocate bene; forse proprio quelle mi hanno dato l’esperienza per vincere oggi.

Sono veramente felice, chiaramente domani si torna in campo per un altro bel match. Ha funzionato più la parte tecnica o quella del cuore? Entrambe, una supporta l’altra. Ci ho messo tanta energia. Nel secondo set ho iniziato a servire molto bene e a muovere meglio la palla soprattutto con il rovescio lungolinea, questo mi ha aiutato” .

Djokovic tornerà in campo per la prima volta dopo la squalifica ricevuta agli US Open , ma la partita sarà comunque molto dura. “Quello che è successo a lui è davvero molto particolare. Mi è dispiaciuto, ma è capitato.

Avrà tanti occhi puntati addosso. Proverò a farlo pensare e a metterlo in difficoltà” . Proprio il campione serbo, in conferenza stampa, ha parlato dell'episodio che lo ha visto coinvolto agli US Open.

"È stato uno shock lasciare gli US Open in questo modo. È la prima volta nella mia carriera che mi capita una cosa del genere. È stata una delusione per me. Mi sentivo bene, pronto da ogni punto di vista.

È stato decisamente involontario, ma quando colpisci una palla cosi come ho fatto io c’è la possibilità che colpisci qualcuno in campo. Le regole sono chiare, l’ho accettato. Per me è un bene che ci sia un torneo subito.

Prima torno a giocare, prima posso mettermi alle spalle il ricordo di quello che è successo con Carreno Busta" .