Monfils sugli US Open: "Sono molto triste per quello che è successo a Djokovic"



by   |  LETTURE 5146

Monfils sugli US Open: "Sono molto triste per quello che è successo a Djokovic"

Gael Monfils è uno dei numerosi tennisti che ha deciso di non raggiungere New York per il Western & Southern Open e gli US Open. Il francese ha preferito non rischiare e prepararsi direttamente per la stagione europea sulla terra battuta.

La semifinale del torneo ATP 500 di Dubai contro Novak Djokovic, match in cui non concretizzò ben tre match point, resta quindi l’ultima partita ufficiale disputata da Monfils. Proprio con il serbo, l’attuale numero nove del mondo condivide uno speciale rapporto di amicizia e nel corso di un’intervista all’Equipe non ha potuto non esprimere la sua opinione sulla clamorosa squalifica.

Monfils commenta l'episodio che ha portato alla squalifica di Djokovic

“Sono molto triste per Novak” , ha dichiarato Monfils. “Lo apprezzo moltissimo e sono rimasto sorpreso da tutto quello che è successo.

Il supervisor ha fatto bene il suo lavoro, perché ha applicato la regola alla lettera. È molto difficile discutere guardando le immagini” . Uno degli altri eventi che ha scosso la 140esima edizione degli US Open, è stato sicuramente l’ulteriore isolamento che hanno dovuto seguire alcuni dei giocatori francesi entrati in stretto contatto con Benoit Paire, risultato positivo al Coronavirus a pochi giorni dall’inizio del torneo.

“Non sono stati molto fortunati in questa occasione. È stata una situazione abbastanza difficile per tutti. Ora sono anche loro qui a Roma e non possono fare altro che dimenticare questa vicenda. Il mio stato di forma? Mi sento bene.

Mi sono allenato duramente in questi mesi, è incredibile poter giocare di nuovo un torneo e competere contro i migliori. Avrò bisogno di più partite per tornare al livello che ho dimostrato di avere prima della pausa” .

Monfils affronterà al secondo turno del Masters 1000 di Roma il tedesco Dominik Koepfer, che ha battuto a sorpresa in tre set Alex De Minaur. L'australiano aveva raggiunto i quarti di finale agli US Open la scorsa settimana.