Woodbridge: "La squalifica di Novak Djokovic cambierà il corso della storia"



by   |  LETTURE 4680

Woodbridge: "La squalifica di Novak Djokovic cambierà il corso della storia"

La squalifica di Novak Djokovic dagli US Open 2020 dopo aver colpito una giudice di linea continua a tenere banco negli ultimi giorni. Il numero 1 del mondo, che non si è presentato in conferenza stampa lasciando subito l’impianto di Flushing Meadows, si è scusato sui social dando l’appuntamento per i tornei sulla terra battuta.

Al 17 volte campione Slam è stata inflitta una multa davvero pesante, frutto di un comportamento che ha danneggiato anche l’immagine dello Slam newyorkese. La leggenda australiana Todd Woodbridge ha espresso la sua opinione su quanto accaduto a Nole, ammettendo l’errore del serbo ma ritenendo folle la gogna mediatica che si è creata intorno a lui nelle ultime ore.

Djokovic dovrà rimandare l’appuntamento con il 18° Slam della sua carriera, che lo avrebbe portato sempre più a ridosso degli eterni rivali Roger Federer e Rafael Nadal.

Woodbridge: "Djokovic era super favorito per la vittoria finale"

“Questa è follia.

La decisione è stata giusta? Assolutamente sì. Non c’era altra scelta. Ci sono stati incidenti simili in passato con John McEnroe, David Nalbandian e Tim Henman” – ha esordito Woodbridge. “Le regole sono molto chiare: se colpisci qualcuno in campo, intenzionalmente o meno, la squalifica è automatica.

La squalifica del numero 1 del mondo cambierà il corso della storia del tennis. Novak era sulla buona strada per vincere un altro trofeo dello Slam. Era sicuramente il grande favorito per la vittoria finale. Il suo chiaro obiettivo era ridurre il gap che lo separa da Rafael Nadal e Roger Federer.

Era in ottima forma, aveva fatto tutto bene, ma dopo l’incidente non si è presentato in conferenza stampa. Penso davvero che questo episodio cambierà il tennis e influenzerà anche il discorso relativo al più grande giocatore di tutti i tempi” – ha aggiunto l’australiano.

La giudice di linea vittima dell’incidente – di cui è trapelato il nome - ha ricevuto svariate minacce di morte nelle ultime ore, inducendo lo stesso Djokovic a difenderla pubblicamente tramite il suo account Twitter.