S.Williams: “PTPA? Sto sempre dalla parte di Djokovic. Vi spiego il perché”



by   |  LETTURE 10076

S.Williams: “PTPA? Sto sempre dalla parte di Djokovic. Vi spiego il perché”

A seguito della vittoria di primo turno contro la connazionale Kristie Ahn, l’ex numero uno del mondo Serena Williams ha espresso la propria opinione circa la neonata – e già tanto discussa – Professional Tennis Players Association (PTPA), organo indipendente dall’ATP fortemente voluto e creato da Novak Djokovic assieme al canadese Vasek Pospisil.

Nelle ultime ore abbiamo assistito alla presa di posizione di numerosi tennisti, tra coloro che sono d’accordo alla nascita di una nuova organizzazione autonoma rispetto all’ATP e chi, invece, non ritiene appropriato allontanarsi dall’Association Tennis Professionals (tra cui Roger Federer e Rafael Nadal).

Williams: “Sono sempre con Djokovic, ma voglio saperne di più”

E’ un momento estremamente delicato quello che sta vivendo oggi il mondo del tennis, alle prese con la più grave crisi dal secondo dopo guerra: stiamo parlando ovviamente dell’emergenza Coronavirus, che ha reso necessario tra l’altro uno stop di cinque mesi a tutte le competizioni, sia maschili che femminili.

E’ anche per questo che giocatori come Federer e Nadal hanno invitato ad una maggiore coesione tra i giocatori, piuttosto che ad un allontanamento dall’ATP. “Sarei davvero molto interessata a saperne di più sulla PTPA”, ha commentato Serena Williams, “perché ho l’impressione di non potermi formulare un’idea senza andare più a fondo.

Io sto sempre dalla parte di Djokovic, ovviamente. Allo stesso tempo, però, sono sul circuito WTA da trent’anni e sono a conoscenze di molte delle cose che stanno accadendo. Vorrei farlo, ma non potrei davvero dire di più.

Ho la sensazione che Novak abbia delle opinioni molto forti che spesso sono giuste. Sì, devo solo aspettare”. Oltre a Federer e Nadal, anche lo scozzese Andy Murray ha deciso di non fare alcun segreto della sua riluttanza all’idea di Djokovic & Co: il britannico ha infatti messo in luce l’assenza delle giocatrici WTA, a suo parere fondamentali in un progetto di questo tipo. Comunque vada, solo il tempo ci dirà se la nuova PTPA avrà vita lunga o meno.