Stefanos Tsitsipas: "Non potevo credere di aver battuto Novak Djokovic"



by   |  LETTURE 1327

Stefanos Tsitsipas: "Non potevo credere di aver battuto Novak Djokovic"

Stefanos Tsitsipas ha fatto molta strada da quando ha esordito nel circuito professionistico nel 2016. Il talento greco ha collezionato ben cinque titoli nell’arco di quattro stagioni, con la ciliegina sulla torta del successo alle Nitto ATP Finals 2019.

Il giocatore ellenico era salito agli occhi della ribalta due estati fa, in occasione della Rogers Cup di Toronto nel 2018, quando raggiunse la finale dopo aver sconfitto il campione di Wimbledon Novak Djokovic. Nel loro primissimo incontro a livello ATP, Tsitsi si impose grazie allo score di 6-3 6-7 6-3 in quella che rimane una delle vittorie più importanti di tutta la sua carriera.

Intervistato dal programma ‘ATP Uncovered’, Stefanos ha ricordato con grande entusiasmo il Masters 1000 di Toronto 2018, che gli ha dato la consapevolezza di potersela giocare con i migliori negli stadi più prestigiosi.

Tsitsipas: "Non ci potevo credere"

“Quel match point, non potevo credere a ciò che era appena successo. È stata una delle vittorie più importanti della mia carriera. In realtà, non ho prestato troppa attenzione al fatto che stessi affrontando Novak Djokovic.

Mi sono concentrato esclusivamente sul mio gioco” – ha spiegato Tsitsipas. “Sapevo che se avessi iniziato a pensare troppo, non sarebbe stato un bene per il mio gioco, quindi mi sono detto di strare tranquillo, di continuare a fare quello che avevo preparato e di non avere rimpianti” – ha aggiunto.

Il numero 6 del mondo ha disputato una buona finale contro Rafael Nadal, sfiorando una clamorosa rimonta nel secondo set. Il maiorchino aveva surclassato Tsitsipas a Barcellona pochi mesi prima della finale di Toronto. “Avevo perso nettamente contro Rafa a Barcellona, mi aveva lasciato pochissimi game.

Non è stato facile doverlo affrontare nuovamente in finale. Devo ammettere che ero un po’ nervoso, pensavo troppo, che è una cosa che non sono abituato a fare di solito” – ha concluso il semifinalista degli Australian Open 2019 (tra i grandi favoriti per la conquista degli US Open 2020).