Djokovic: “Se esiste un paradiso sulla Terra, è alle piramidi della Bosnia”



by   |  LETTURE 11088

Djokovic: “Se esiste un paradiso sulla Terra, è alle piramidi della Bosnia”

Dopo essere finalmente risultata negativa al test del Covid-19, la famiglia Djokovic ha ricevuto il via libera per lasciare la Serbia e trascorrere alcuni giorni nella vicina Bosnia. Qui, Nole ha deciso di visitare – tra le varie località – anche il parco archeologico delle cosiddette ‘Piramidi del Sole’, presso la cittadina di Visoko.

Durante la sua visita, Djokovic è stato accompagnato da nientemeno che Semir Osmanagic, acceso sostenitore di quella teoria (rifiutata dagli ambienti scientifici) che vede nelle Piramidi bosniache delle antiche costruzioni umane risalenti a circa dieci mila anni prima dell’avvento di Cristo e dotate di particolari poteri, pressoché sconosciuti ancora oggi.

Le parole di Novak Djokovic sulla sua esperienza alle Piramidi della Bosnia

Il numero uno ATP serbo sembra essere rimasto particolarmente colpito dalla sua visita a Visoko, tanto da dichiarare: “Se c’è un paradiso sulla Terra, allora è qui.

Ci sono molti posti che ho visitato nel corso della mia vita in cui mi sono sentito completamente realizzato, sotto ogni punto di vista. Questa è un’esperienza unica per me. Oggi mi trovo in quello che definiscono un mondo alternativo, anche se oggi sappiamo che è quello originale.

In passato sono stato in molti luoghi che sono considerati centri energetici e che sono costituiti da cerchi concentrici”. Djokovic ha quindi parlato direttamente ad Osmanagic: “In effetti, ho sperimentato qualcosa di simile al monte Rtanj in Serbia, non ci sono superlativi o parole di elogio che descriverebbero tutto ciò che hai realizzato qui.

Non ti voglio lusingare, ma tu conosci tutto molto bene. Il numero dei volontari in pratica dimostra se stai facendo qualcosa di buono per la comunità, per il Paese. Ho visto le persone che lavorano qui con te, ho visto il sorriso sui volti della gente, la loro gratitudine nel far parte di un progetto come questo”.

Novak ha quindi ribadito: “Sei un inventore ed un uomo che ha veramente scoperto qualcosa che sarà di grande energia, importanza spirituale e di prosperità per il mondo. Non solo per i Balcani e la Bosnia, ma per tutti noi”.