Lajovic sui media: "Vogliono danneggiare la reputazione di Djokovic, ecco il motivo"



by   |  LETTURE 1671

Lajovic sui media: "Vogliono danneggiare la reputazione di Djokovic, ecco il motivo"

Il tennista serbo Dusan Lajovic ha effettuato un duro attacco ai media in generale dopo che questi hanno più volte "esagerato" su Novak Djokovic e sul suo comportamento nel corso dell'Adria Tour. Secondo Lajovic c'è una parte della stampa occidentale che lavorerebbe per danneggiare la reputazione dell'attuale numero 1 al mondo.

Novak Djokovic, ricordiamo, ha ricevuto diverse critiche a causa di ciò che è accaduto al torneo esibizione Adria Tour, dove diversi tennisti sono risultati positivi al test del tampone. Ecco le dichiarazioni di Lajovic ai microfoni di Sport Klub: "Novak Djokovic è arrivato nel circuito un po' più tardi ed ha dominato dopo rispetto al dualismo creato da Roger Federer e Rafael Nadal.

Questi hanno assuefatto il tennis ed hanno conquistato gran parte dei fan. Quindi quando è arrivata una terza superstar, questa non era particolarmente gradita. Se guardiamo ai loro successi però, nessuno può dire al cento per cento che uno o l'altro è miglore degli altri due"

Le dichiarazioni di Lajovic su Djokovic e gli altri due membri dei Big Three

In recenti apparizioni Novak Djokovic ha dichiarato che il suo obiettivo principale attualmente è battere il record riguardante il numero di Grandi Slam conquistati appartenente a Roger Federer con 20 successi ed il record, sempre dello svizzero del maggior numero di settimane in vetta alla classifica mondiale.

A riguardo Lajovic ha dichiarato: "Sono tutti molto vicini e sarà dura vedere chi sarà il migliore. Nole però mi sembra quello meglio predisposto verso il record di Slam e credo che quest'odio ripetuto dei media nei suoi confronti dipenda anche da questo, è uno degli ostacoli sul percorso per diventare il migliore.

Novak non ha il supporto del pubblico? Ma perché preoccuparsene, lui avrà il record di titoli del Grande Slam. Questi sono gli affari e lui non deve pensare ad altre futili cose che potrebbero influenzarlo negativamente"