Caujolle: "Non deve diventare un processo a Novak Djokovic"



by   |  LETTURE 1831

Caujolle: "Non deve diventare un processo a Novak Djokovic"

Novak Djokovic ha dovuto affrontare la settimana più dura di tutta la sua carriera dopo l’annullamento dell’Adria Tour. Il numero 1 del mondo, che è risultato positivo al COVID-19 insieme a sua moglie e ad altri giocatori (Grigor Dimitrov, Viktor Troicki, Goran Ivanisevic e Borna Coric), potrebbe anche essere rimosso dal suo ruolo di presidente del Consiglio dei giocatori.

Dopo la debacle, il 17 volte campione Slam e tutti gli altri giocatori coinvolti si sono scusati per le loro azioni. Da allora, il fenomeno serbo è stato bersagliato da innumerevoli accuse, provenienti da numerosi colleghi e addetti ai lavori.

Il direttore del torneo di Marsiglia Jean-Francois Caujolle era stato uno dei più critici verso Djokovic, reo di aver messo in pericolo la salute di altre persone e di aver sottovalutato il parere degli esperti.

Caujolle: "Sono andato troppo oltre con le critiche a Djokovic"

“Mi viene in mente la parabola della Torre di Babele, in cui la gente voleva elevarsi allo stesso livello degli dei.

Si ha l’impressione che Djokovic pensi di essere al di sopra di certe leggi della natura. Impone agli altri una forma di pressione mentale. Può essere un individuo dannoso. Per fortuna non è l’icona del tennis” - aveva spiegato Caujolle.

“ Come riportato da L’Equipe, l’ex tennista francese ha ammesso di essere andato un po’ troppo oltre con le sue critiche. “Non ci sono dubbi che ciò che è successo a Zara sia da condannare” – ha rettificato Caujolle.

“Non avrei dovuto essere così duro nei confronti di Novak. Non sono nessuno per criticarlo. Sono anche un fan del suo pensiero sullo sviluppo personale. Potrei pensare che Novak Djokovic sia un essere umano illuminato sotto un certo punto di vista.

Non sto cercando di fare un passo indietro, perché è chiaro che ci sia stato un errore in Croazia. Tuttavia, questo non dovrebbe diventare il processo al numero 1 del mondo. Volevo sottolineare questo aspetto” – ha concluso.