Nikola Pilic: "Novak Djokovic non è l'unico colpevole"



by   |  LETTURE 1725

Nikola Pilic: "Novak Djokovic non è l'unico colpevole"

Sono tanti i giocatori ed i fan che in questi giorni stanno attaccando Novak Djokovic. Il campione serbo sembra essere diventato improvvisamente l’unico responsabile di quanto accaduto durante e dopo l’Adria Tour.

Gli errori e la superficialità nell’organizzare un evento di tale portata senza adottare le giuste misure e restrizioni rimangono, ma puntare il dito contro un’unica persona è qualcosa di profondamente sbagliato. Nikola Pilic conosce molto bene Djokovic, il 17 volte campione Slam si è allenato per quattro anni nella sua Accademia, ed in qualche modo ha provato a lanciare un importante messaggio di distensione.

Nikola Pilic prova a difendere Novak Djokovic

“Non credo sia giusto incolpare solo Novak” , ha dichiarato Pilic a Münchner Merkur. “Ha rispettato le indicazioni che gli sono state imposte, la sua unica intenzione era quella di restituire un po’ di normalità al mondo dello sport” .

Il governo serbo aveva deciso già da qualche settimana di allentare le misure anti-Covid. “La situazione che stiamo vivendo in Serbia o in Croazia non è paragonabile a quella di altre nazioni, come gli Stati Uniti per esempio.

Ovviamente, le cose non sono andate bene come speravano. C’era davvero bisogno di 4000 spettatori? Avrebbero dovuto fare più test e controlli? Queste sono domande legittime, anche se sappiamo tutti che Novak non aveva intenzioni sbagliate.

Lo conosco troppo bene per pensare il contrario. È un perfezionista, una persona estremamente professionale in tutto quello che fa. Questa volta ha commesso l’errore di voler dimostrare con tutte le sue forze l’esistenza di una realtà per la quale nessuno era ancora preparato.

Era troppo presto. È stato un suo errore, ma Novak non è l’unico colpevole. Anche gli altri tennisti impegnati nell’evento erano disposti a giocare. Tutti dovrebbero assumersi le proprie responsabilità.

In questa situazione è troppo semplice attaccare solo Novak” . La speranza di Pilic è che attraverso le sue parole molte persone capiscano che alimentare questo clima d'odio è dannoso ed inutile.