"In che mondo vive Novak Djokovic?", crescono le critiche dei tennisti al serbo



by   |  LETTURE 21475

"In che mondo vive Novak Djokovic?", crescono le critiche dei tennisti al serbo

Novak Djokovic ha ricevuto applausi da parte di diversi giocatori per la sua preoccupazione e la sua iniziativa per aiutare i tennisti di categoria inferiore, un compito che ha guidato alla grande come presidente del Consiglio dei giocatori dell'Atp, un compito che ha eseguito nonostante nessuno avesse realmente richiesto la sua presenza ed in un momento come questo, in piena pandemia, è stato apprezzato sia dai colleghi che dai tifosi di questo splendido sport.

Inizialmente anche la sua idea di organizzare un esibizione con alcuni dei più grandi tennisti del circuito è stata apprezzata, soprattutto grazie al fatto che questo torneo rappresenta una raccolta fondi per varie organizzazioni benefiche, compresa appunto quella di Novak.

Recentemente la situazione è cambiata e l'attuale numero 1 al mondo è finito nel mirino della critica: dalla sua posizione anti-vaccino a quella particolare dieta consigliata sui social fino all'attacco agli organizzatori dell'Us Open, posizione non gradita a diverse colleghi e che ha scatenato recentemente l'attacco di Danielle Collins e di Noah Rubin.

Le ultime all'Adria Tour e le continue critiche a Djokovic

In questo fine settimana Novak Djokovic è stato protagonista all'Adria Tour, una scelta che ha però generato molte polemiche. In Serbia il numero 1 al mondo ha "dimenticato" totalmente i vari protocolli e l'intero torneo è stato criticato per diverse situazioni come la mancanza di mascherine e la mancanza delle misure di sicurezza da osservare.

La tennista olandese Kiki Bertens ha criticato duramente il tennista serbo e l'organizzazione del torneo (la cui prima data è stata vinta da Dominic Thiem). Ecco le dichiarazioni dell'attuale numero 7 al mondo: "Ho visto foto di Novak Djokovic che dava la mano a tutti e scattava foto con le autorità durante la presentazione dell'Adria Tour.

Come può essere ciò? In quale parte del mondo è permesso ciò?" Le dichiarazioni della Bertens non sono passate inosservate e diversi supporter hanno criticato sui social l'atteggiamento del tennista serbo: le considerazioni principali riguardavano il fatto che un personaggio pubblico di tale rilievo e il numero 1 al mondo di uno sport come il tennis deve dare l'esempio in una situazione drammatica in tutto il mondo.