Novak Djokovic ricorda la sua esperienza con Guga Kuerten a Rio



by   |  LETTURE 2724

Novak Djokovic ricorda la sua esperienza con Guga Kuerten a Rio

Gustavo Kuerten e alcuni importanti atleti brasiliani si sono uniti per cercare di raccogliere il maggior numero di fondi possibili da destinare alle famiglie carioca in difficoltà a causa dell’emergenza Coronavirus.

L’ex numero 1 del mondo ha chiesto anche il sostegno di due autentiche leggende come Roger Federer e Novak Djokovic, che non ci hanno pensato due volte a sostenere il progetto ‘Vencendo Juntos’. “Vivendo a stretto contatto con la mia famiglia, ne ho tratto numerosi insegnamenti.

Mia figlia Maria Augusta mi ha fatto capire che là fuori c’è una situazione davvero complicata. Possiamo avvertire la tristezza delle persone, la realtà è negli angoli e nella strade, in tutto il Brasile.

Bisogna mantenere la fiducia. Speranza, fede, disciplina e rispetto saranno ancora più importanti ora” – ha affermato ‘Guga’.

Djokovic: "A Rio tre dei dei migliori giorni della mia vita"

Durante una conversazione con il tre volte campione del Roland Garros, Novak Djokovic ha ricordato la sua esibizione a Rio de Janeiro nel 2012.

“Mi torna in mente il giorno in cui abbiamo giocato al Maracanazinho. Mi ricordo tutto di Rio, sono stati tre dei migliori giorni della mia vita” – ha ammesso il 17 volte campione Slam. L’attuale numero 1 del mondo, che si era appena aggiudicato le ATP Finals battendo Federer, aveva dato spettacolo con Kuerten per l’inaugurazione di un campo da tennis in una delle zone più degradate del Sudamerica.

Davanti a circa 10.000 spettatori il serbo si arrese 7-6 7-5 a Guga, ritiratosi quattro anni prima a causa di un serio infortunio all’anca. “Kuerten è uno dei giocatori più carismatici che abbiano mai giocato a tennis e anche oggi ha dimostrato perché” – affermò Nole subito dopo il match.

“Il tennis brasiliano ha un grande spirito e una grande anima. La Serbia è una nazione piccola ma ha molto in comune con il Brasile. Anche noi siamo persone molto emotive” – aggiunse il fenomeno di Belgrado, che sta aiutando la sua Serbia promuovendo l’Adria Tour insieme ad altri top player.